Xmarks

Diversi modi di interpretare l’interazione client <-> API:

ovvero lanciando un comando specifico (“togliere i bookmark duplicati”), beccarsi in risposta un error 400 con messaggio di dettaglio in un confirm javascript e poi rimanere imbalsamati su una pagina morta.

Da notare che produttore e consumatore della API sono la medesima azienda.

 

Amenità a parte, Xmarks rimane per me il migliore sincronizzatore di segnalibri cross-platform in assoluto, perché fa una cosa e la fa bene, con feature come profili di utilizzo e punti di ripristino, che lo rendono una certezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.