Archivi tag: agosto

del ritorno

siamo tornati per una via decisamente lunga, ma sfiziosa

da rennes, via nantes, bordeaux, tolouse, montpellier, nice, ventimiglia…

qualcosa di rovinoso, per il guidatore, godibile, per lo spettatore

dal freddo e grigio cielo di bretagna, si avverte lo stacco, il cambio di clima, sia in termini meteorologici che in odori, facce, colori, entrando in bordeaux per darle un’occhiata

poi si macinano chilometri come sassolini, flussi di autostrade interrotte a ogni città: un sistema assurdo, privo di raccordi e reali tangenziali cittadine (esistono le “rocade” ma sono anelli di devastante perdizione)

dopo tolosa si assaggiano piccoli pirenei e si intravede mistica carcassonne, cartolina del medioevo

poi si tocca la provenza, e gli occhi cominciano a bruciare

tagliare fuori marsiglia e proseguire oltre nizza fino al confine è la mazzata finale

era un viaggio che meritava un break programmato, ma un appuntamento italiano spostato di un giorno ci ha costretto a concentrare i tempi

è stata una vacanza itinerante decisamente intensa, le immagini, le parole, i volti, le canzoni, i cibi e le figuracce del nostro maccheronico francese al quale correva in soccorso l’inglese; tutto è fermo lì, condensato in un’emozione lunga dieci giorni

della bretagna disconnessa

due mattine fà siamo partiti da tours un po’ in sordina, quasi non volessimo ricordare che la vacanza dovesse proseguire in bretagna

l’ultimo castello visitato è stato villandry, poi ci siamo dati alla faticosa ricerca dell’albergo a saint gregoire, sobborgo di rennes, nella quale abbiam fatto una capatina in mattinata

poi uno splendido pomeriggio nella iperturistica quanto incantevole saint malo

la bretagna è fredda, ventosa, ma affascinante

fascino che comincia dai nomi in doppia lingua, francese e bretone, e si respira aria celtica nei borghi delle strade

blois, chambord, cheaumont

dopo essermi quasi distrutto il mignolo del piede sinistro al fine di salvarmi da una ben più rovinosa caduta dal micromaterasso, ho stretto i denti per poi arrabbiarmi con la brasserie che non avendo più croissant ci ha rifilato pezzi di baguette e burro, al medesimo prezzo,,, canaglie!

fatta la spesa (il pranzo, visto che mangiare in una brasserie qualunque equivale a svenarsi anche se prendi la più semplice delle insalate), siamo andati a consumare poi il pasto a blois

posto splendido; nel primo pomeriggio abbiamo visitato la “casa della magia” di robert houdin (il maestro di houdini) e un po’ anche il paese

poi ci siamo smazzati il gigantesco, monumentale castello di chambord, ampiamente documentato con le foto su flickr…

DSC_5572.JPG DSC_5685.JPG DSC_5626.JPG DSC_5686.JPG

esausti ci siamo godutia cheaumont-sur-lire il tramonto sulla loira e un’ottima bistecca di quelle che sanno fare decisamente bene

un po’ di foto del tramonto incombente sulla loira ad alboise, e poi a nanna

keep up

il notebook, tenuto sollevato dal piano d’appoggio mediante alta e ormai inutile guida michelin del 2004, sembra respirare e stare vivo+acceso anche per diverse ore consecutive

riorganizzando i posti e le modalità con cui svolgo la raccolta differenziata, osservavo certi contenitori, come i rollon dei deodoranti e le bottiglie dell’olio di oliva: hanno un corpo di vetro e delle non indifferenti parti in plastica, impossibili da togliere a meno di frantumare tutto

capisco che non si debba impazzire e mi sembra di ricordare che tutto ciò che viene raccolto venga comunque passato in delle centrifughe che separano i materiali, ma trovo assai fastidioso che questa società del confezionamento totale non si sforzi almeno almeno di semplificare i contenitori, per facilitare sia lo smaltimento “monomateriale” sia lo schiacciamento da parte dell’utente appena finito l’utilizzo

sempre a proposito di materiali e di sprechi, ho notato che ancora oggi in italia di spazzolini con la sola testina intercambiabile se ne vendono veramente pochi

io uso il silver care della oral-b, cambio proprio solo la testina e così non cambio manici di plastica ogni due/tre mesi

—————————

nel frattempo, devo tirarmi su il morale da ennesimi tentativi scampati di stampo “immobiliarista”…

Marco Bonetti al MOCA2008

se da un lato è vero che le cose squisitamente tecniche mi affascinano sempre meno
e occupano nella mia vita e nel mio lavoro sempre meno spazio
è anche vero che certi aspetti della tecnologia mi affascinano ancora
tra questi ci sono quelli legati alla privacy e alla difesa dei diritti digitali dei cittadini

tra le tecnologie “in prima linea” in questo ambito c’è TOR, e al MOCA2008 (che si terrà a Pescara dal 21 al 24 agosto), c’è a parlarne Marco Bonetti, amico del LUGPiacenza

cito dal programma del MOCA2008:

Titolo: TOR: alla scoperta dei router a cipolla

Relatore: Marco Bonetti

Tor è una rete di tunnel virtuali che permette ai singoli individui e alle organizzazioni di aumentare la privacy e la sicurezza su Internet. Consente inoltre agli sviluppatori di software di creare nuovi strumenti di comunicazione con caratteristiche intrinseche di privacy. Tor fornisce le basi per una gamma di applicazioni con cui singole persone e organizzazioni possono condividere informazioni sulla rete pubblica senza compromettere la propria privacy. Questo talk vuole fornire le informazioni per comprendere il funzionamento di Tor e descriverne l’utilizzo con le applicazioni più comuni.


Titolo: Attacchi a TOR: come funzionano, come difendersi

Relatore: Marco Bonetti

Tor è strumento molto potente per difendere la propria privacy sul web e come tale non è immune a diversi tipi di attacchi. Questo talk vuole presentare le tipologie più comuni di attacco, descrivendone il funzionamento e presentando le contromisure da adottare.

[Emma Bonino] "Da Assisi al mondo, un messaggio di pace e di nonviolenza"

Diffondo questo messaggio arrivato da Emma Bonino:

Venerdì 8 agosto si aprono le Olimpiadi a Pechino. Lo stesso giorno
saremo ad Assisi a manifestare per la pace attraverso la democrazia e il
rispetto dei diritti umani, in Tibet – a fianco del Dalai Lama – in
Cina, in tutto il mondo.

“Da Assisi al mondo, un messaggio di pace e di nonviolenza” è il nome
della giornata indetta dal Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale
e Transpartito e dal Comune di Assisi, con l’ANCI Umbria, con adesioni
di organizzazioni tibetane, buddhiste, degli enti locali e delle
associazioni (link all’elenco completo).

Essere presenti ad Assisi venerdì non è solo una “testimonianza” (e già
sarebbe moltissimo, nel momento in cui nel mondo sembra allargarsi il
perimetro di violenza, guerra e non-democrazia). E’ anche un’azione
politica concreta, parte integrante di quel Primo Grande Satyagraha
mondiale, che ci vede impegnati con Marco Pannella e tante compagne e
compagni per cercare di impedire la condanna a morte di Tareq Aziz e per
far emergere la verità sulla guerra in Iraq.

Ti aspettiamo a Assisi, a partire dalle 11 (link programma), insieme
agli amici e alle persone che vorrai tu stesso invitare.

ti aspettiamo,

Emma Bonino, Bruno Mellano e Francesco Pullia

I dettagli dell’evento: http://www.radicali.it/view.php?id=126828

aggregato estivo

aggregato o segregato?

la fuga dagli stress della routine del resto dell’anno è tutta in una parola: diluizione

diluire lo smaltimento della coda lavori, lavori di ogni tipo

diluire come i sughi che sto preparando e in certi casi congelando, sughi e cianfotte, preparazioni con verdure di ogni tipo, è un piacere cucinare senza dover guardare l’orologio col fiato sul collo di un impegno da rispettare, di un auto o un treno da prendere, di un ritardo da evitare

intanto cerco di far andare d’accordo il condizionatore con qualche tentativo di lavoro di pulizia e con una temperatura casalinga incastrata nella cappa del clima esterno, gonfio di nuvole e di umidità oppressa e opprimente, che soffoca anche un timido vento che quasi non ha il coraggio di soffiare dalle parti di codogno, fa qualche comparsata, poi soffia altrove, quasi quasi timido

scrivo un po’ qua e ,  ancora penso a cosa cucinare di nuovo, penso a qualche altra espressione creativa magari anonima, magari microracconti, mi sento ispirato

rivedo anche la lista delle cose da fare per il matrimonio e per le vacanze di loira-normandia della seconda metà di agosto

viva l’estate

DolomitiCamp!

Sabato 23 agosto 2008 al Rifugio Segantini (in Trentino).

ATTENZIONE: il DolomitiCamp avverra’ solo in caso ci siano almeno 30 iscritti entro il 10 agosto, poiche’ l’attivazione della connessione al rifugio non e’ ancora ultimata al 100% e ultimarla entro per il 23 agosto richiede un po’ di sforzi finali!

Leggi il resto sulla pagina ufficiale: http://barcamp.org/DolomitiCamp