Archivi tag: lodi

Lodi e Modena: progetti urbani a confronto

mercoledì, in quel di lodi…

dal blog di Michele:

“Verso città sostenibili – Lodi e Modena: progetti urbani a confronto

Mercoledì 1 febbraio ore 21.00

Teatro alle Vigne, sala “Rivolta” in via Cavour 66, Lodi

Conduce: Michele Merola, responsabile ecosistema urbano Rapporto Legambiente – Sole 24 Ore

Intervengono:

  • Simone Uggetti, Assessore Ambiente Mobilità e Urbanistica del comune di Lodi
  • Simona Arletti, Assessore Ambiente del comune di Modena
  • Stefano Caserini, docente di Mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano

città_sostenibli_lodi_pd

Adelante! presenta Laboratorio di Scrittura Narrativa

Ricevo da Michele e pubblicizzo:

L’Associazione culturale Adelante! in collaborazione con Gabriele Dadati vi invita a partecipare al primo LABORATORIO DI SCRITTURA NARRATIVA

Il “Laboratorio di scrittura narrativa” è un luogo in cui si prendono in considerazione opere letterarie per provare a smontarle e a scoprire su quali meccanismi si reggono. Lo scopo è quello di diventare non solo narratori migliori, ma anche e soprattutto lettori che reagiscono ai testi con consapevolezza.

Si tratta di un laboratorio e non di un corso perché la sua natura è quella di mettersi alla prova in prima persona. Oltre alle analisi di opere letterarie – da Dickens a Breat Easton Ellis – verranno infatti proposti degli esercizi che ogni partecipante svolgerà per poi condividerli con gli altri durante gli incontri successivi. Si parlerà in particolare di incipit, di dialoghi ben fatti, di invenzione narrativa e di costruzione della trama.

Il laboratorio si intende articolato in dieci incontri serali da due ore l’uno, a cadenza settimanale, tre dei quali dedicati all’incontro con altrettanti scrittori italiani attivi oggi, che in una lezione-dialogo con Gabriele Dadati e a disposizione delle domande dei partecipanti verranno a parlare di come hanno lavorato su loro particolari libri e su come funziona la loro esperienza di comunicatori.

Il laboratorio inizierà mercoledì 15 febbraio 2012 dalle 20.30 alle 22.30, presso la bottega di Iskra in via lodino 16/18 a Lodi. E’ prevista una quota di partecipazione che comprende, oltre agli incontri, anche materiale informativo e una copia del libro “(Non) un corso di scrittura e narrazione” di Giulio Mozzi, Terre di Mezzo Editore.

Saranno ospiti del laboratorio:

CHICCA GAGLIARDO: scrittrice e giornalista di “Glamour”.

MATTEO B. BIANCHI: scrittore e autore televisivo di “Very Victoria”.

MICHELE MONINA: scrittore, ha lavorato per MTV e Italia 1, ha tradotto libri di Lou Reed ed Eminem, Palahniuk e Nick Cave, ha scritto su “Rolling Stone”, “GQ” e “Marie Claire”

GABRIELE DADATI: scrittore e editor per Laurana Editore. Ha pubblicato Sorvegliato dai fantasmi (peQuod, 2006; Barbera, 2008), premio Dante Graziosi e finalista come Libro dell’anno per Fahrenheit di Radio 3 Rai, e Il libro nero del mondo (Gaffi, 2009). Nel 2009 ha rappresentato l’Italia nel progetto Scritturegiovani di Festivaletteratura di Mantova. Collabora con Booksweb.tv e scrive su “Libertà. L’ultimo suo romanzo Piccolo Testamento è pubblicato da Laurana ed. Collabora con Giulio Mozzi alla Bottega di Narrazione presso Laurana e insegna in diversi corsi di scrittura creativa.

PER INFORMAZIONI: scrivere a info@adelantelodi.org, 338 8094482

locandina_laboratorio

Prossima Lodi

PF LODI docs.google.com 2011-11-16 9-20-6E’ nata stamattina la cellula lodigiana dei civatiani

Paolo ne dà il lieto annuncio:

Civati sarà a Lodi mercoledì 30 novembre (presso il teatro Informagiovani, via Paolo Gorini n. 21)  per il lancio di Prossima Lodi.  La serata si pone l’obiettivo di rompere gli schemi del classico dibattito, favorendo il confronto diretto tra i tutti i partecipanti, come nello spirito di tutte le iniziative promosse da Prossima Italia.

<cut>

Tra le iniziative proposte, abbiamo presentato quella chiamata “Prima gli Elettori”. Trovare il materiale sull’iniziativa QUI. In breve, raccogliamo firme per una petizione che, a prescindere dal tipo di legge elettorale che sarà attuale durante le prossime elezioni, il Partito Democratico si impegni a convocare elezioni primarie libere e aperte per la scelta dei candidati alla Camera ed al Senato. Parlamentari scelti come i sindaci. Questo crediamo sia lo spirito per superare la crisi della politica e della democrazia alla quale siamo purtroppo abituati da 17 anni.

Presto faremo conoscere tutte le nostre iniziative. Nel frattempo, se volete rimanere aggiornati, il nostro blog lo trovate QUI e ovviamente ci trovate anche su Facebook.

Errori di ricerca

Questo volantino trovato nella cassetta della posta vorrebbe aiutarmi a trovare, con un bello stamp di mappa online, dove si trovi Piazza Polenghi a Codogno

Peccato che l’internauta di turno sia stato distratto e sul volantino mi mandino in Via Polenghi a Lodi
(che tra l’altro è proprio dove lavoro io, e ‘sto negozio non c’è)

image

Cadamost(r)o

marciapiedi senza fine…

dal Comune di Lodi – gentilissimi – mi hanno risposto che i lavori procedono “secondo programma” e “finiranno entro il 30 settembre

quindi il problema è il programma… nel tempo in cui questi signori scorticano 1 metro di marciapiede in Giappone avrebbero realmente rifatto tutte le autostrade

da due settimane non hanno ancora finito di togliere il manto ai marciapiedi di una strada lunga circa 400 metri, chissà quando avranno voglia di riasfaltarli…
visto che lavorano poche ore al giorno e lasciano le macchine operatrici stesse sui marciapiedi costringendo i pedoni a fare gimcane tra automobili, buche e cumuli di asfalto grattato

province che scompaiono

Provincia di Piacenza (wikipedia)

al di là dei sentimentalismi e dei campanilismi, secondo i quali ci si potrebbe dispiacere per l’eliminazione di province come lodi e piacenza, penso che questo provvedimento sia la solita scorciatoia più demagogica che utile

non affronta il vero nodo della questione province: la (presunta) poca utilità di un livello amministrativo a metà tra regione e comuni

problema che si doveva e si poteva affrontare togliendo le cariche politiche provinciali e conferendo uffici e deleghe/competenze da provincia a regione

non siamo una repubblica federale, e quello che ci stanno spacciando da tanti anni per federalismo è un’accozzaglia eterogenea di colpi di legge a destra e a manca, anche se la base di tutto, se non erro, è la legge bassanini che stabilì le deleghe da affidare a comuni, province, regioni

aggiungo solo tre cose:

  • mi affascina la provocazione di andrea: aboliamo le regioni, non le province… avete presente cosa hanno in comune uno di sondrio e uno di lodi (cioè: niente), non è molto più vicino al territorio la provincia rispetto alla regione?
  • ma se il problema nasce dalla domanda “a cosa servono le province?” perché sono sconosciute o giudicate irrilevanti le deleghe ad esse affidate, non era sufficiente ricalibrare le deleghe tra comuni/province/regioni?
  • perché in altri stati europei hanno le province, o comunque tre livelli di suddivisione amministrativa al di sotto dello stato, e non le hanno ancora abolite? (domanda semi-retorica, questa)