Archivi tag: lodi

Chi ha spento la luce?

Sia nella mia città natale che nella città in cui lavoro, hanno eletto ieri una sindaca donna, candidata dalla Lega nord di salvini, una forza politica in nuova ascesa, grazie alle paure (esagerate) del cosiddetto profugo.

Ho cercato di farmi forza e leggere nel programma di Barbieri, più che merda su tutto quanto fatto dalle precedenti giunte di csx e promettere soluzioni accomodanti per i commercianti – inquietante quel ricorso a un fantomatico “allentamento della ztl” – non ho trovato.

L’interesse a ridurre congestionamento da traffico e smog chissà come si potrà risolvere piazzando dei parcheggi in centro, questo non lo si capisce. Si accorge che il traffico a nord della città è strozzato ma non indica una possibile via alternativa. Si accorge di un immane consumo del suolo da parte delle logistiche ma non ci spiega come voglia effettivamente cambiare questo scempio. Ci dice che conta molto sul mercato coperto di piazza Casali, ritenendo questa una piazza “pericolosa” per la presenza di stranieri.

Come scrivevo a Michele stamattina: “perché se vince qualcuno che ha idee diverse, ok, ci sta l’alternanza
ma qua non ci sono idee, c’è solo il vuoto di prospettiva e un carico di paure ignoranti
difficile da spiegare”

Lodi e Modena: progetti urbani a confronto

mercoledì, in quel di lodi…

dal blog di Michele:

“Verso città sostenibili – Lodi e Modena: progetti urbani a confronto

Mercoledì 1 febbraio ore 21.00

Teatro alle Vigne, sala “Rivolta” in via Cavour 66, Lodi

Conduce: Michele Merola, responsabile ecosistema urbano Rapporto Legambiente – Sole 24 Ore

Intervengono:

  • Simone Uggetti, Assessore Ambiente Mobilità e Urbanistica del comune di Lodi
  • Simona Arletti, Assessore Ambiente del comune di Modena
  • Stefano Caserini, docente di Mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano

città_sostenibli_lodi_pd

Adelante! presenta Laboratorio di Scrittura Narrativa

Ricevo da Michele e pubblicizzo:

L’Associazione culturale Adelante! in collaborazione con Gabriele Dadati vi invita a partecipare al primo LABORATORIO DI SCRITTURA NARRATIVA

Il “Laboratorio di scrittura narrativa” è un luogo in cui si prendono in considerazione opere letterarie per provare a smontarle e a scoprire su quali meccanismi si reggono. Lo scopo è quello di diventare non solo narratori migliori, ma anche e soprattutto lettori che reagiscono ai testi con consapevolezza.

Si tratta di un laboratorio e non di un corso perché la sua natura è quella di mettersi alla prova in prima persona. Oltre alle analisi di opere letterarie – da Dickens a Breat Easton Ellis – verranno infatti proposti degli esercizi che ogni partecipante svolgerà per poi condividerli con gli altri durante gli incontri successivi. Si parlerà in particolare di incipit, di dialoghi ben fatti, di invenzione narrativa e di costruzione della trama.

Il laboratorio si intende articolato in dieci incontri serali da due ore l’uno, a cadenza settimanale, tre dei quali dedicati all’incontro con altrettanti scrittori italiani attivi oggi, che in una lezione-dialogo con Gabriele Dadati e a disposizione delle domande dei partecipanti verranno a parlare di come hanno lavorato su loro particolari libri e su come funziona la loro esperienza di comunicatori.

Il laboratorio inizierà mercoledì 15 febbraio 2012 dalle 20.30 alle 22.30, presso la bottega di Iskra in via lodino 16/18 a Lodi. E’ prevista una quota di partecipazione che comprende, oltre agli incontri, anche materiale informativo e una copia del libro “(Non) un corso di scrittura e narrazione” di Giulio Mozzi, Terre di Mezzo Editore.

Saranno ospiti del laboratorio:

CHICCA GAGLIARDO: scrittrice e giornalista di “Glamour”.

MATTEO B. BIANCHI: scrittore e autore televisivo di “Very Victoria”.

MICHELE MONINA: scrittore, ha lavorato per MTV e Italia 1, ha tradotto libri di Lou Reed ed Eminem, Palahniuk e Nick Cave, ha scritto su “Rolling Stone”, “GQ” e “Marie Claire”

GABRIELE DADATI: scrittore e editor per Laurana Editore. Ha pubblicato Sorvegliato dai fantasmi (peQuod, 2006; Barbera, 2008), premio Dante Graziosi e finalista come Libro dell’anno per Fahrenheit di Radio 3 Rai, e Il libro nero del mondo (Gaffi, 2009). Nel 2009 ha rappresentato l’Italia nel progetto Scritturegiovani di Festivaletteratura di Mantova. Collabora con Booksweb.tv e scrive su “Libertà. L’ultimo suo romanzo Piccolo Testamento è pubblicato da Laurana ed. Collabora con Giulio Mozzi alla Bottega di Narrazione presso Laurana e insegna in diversi corsi di scrittura creativa.

PER INFORMAZIONI: scrivere a info@adelantelodi.org, 338 8094482

locandina_laboratorio

Prossima Lodi

PF LODI docs.google.com 2011-11-16 9-20-6E’ nata stamattina la cellula lodigiana dei civatiani

Paolo ne dà il lieto annuncio:

Civati sarà a Lodi mercoledì 30 novembre (presso il teatro Informagiovani, via Paolo Gorini n. 21)  per il lancio di Prossima Lodi.  La serata si pone l’obiettivo di rompere gli schemi del classico dibattito, favorendo il confronto diretto tra i tutti i partecipanti, come nello spirito di tutte le iniziative promosse da Prossima Italia.

<cut>

Tra le iniziative proposte, abbiamo presentato quella chiamata “Prima gli Elettori”. Trovare il materiale sull’iniziativa QUI. In breve, raccogliamo firme per una petizione che, a prescindere dal tipo di legge elettorale che sarà attuale durante le prossime elezioni, il Partito Democratico si impegni a convocare elezioni primarie libere e aperte per la scelta dei candidati alla Camera ed al Senato. Parlamentari scelti come i sindaci. Questo crediamo sia lo spirito per superare la crisi della politica e della democrazia alla quale siamo purtroppo abituati da 17 anni.

Presto faremo conoscere tutte le nostre iniziative. Nel frattempo, se volete rimanere aggiornati, il nostro blog lo trovate QUI e ovviamente ci trovate anche su Facebook.

Errori di ricerca

Questo volantino trovato nella cassetta della posta vorrebbe aiutarmi a trovare, con un bello stamp di mappa online, dove si trovi Piazza Polenghi a Codogno

Peccato che l’internauta di turno sia stato distratto e sul volantino mi mandino in Via Polenghi a Lodi
(che tra l’altro è proprio dove lavoro io, e ‘sto negozio non c’è)

image

Cadamost(r)o

marciapiedi senza fine…

dal Comune di Lodi – gentilissimi – mi hanno risposto che i lavori procedono “secondo programma” e “finiranno entro il 30 settembre

quindi il problema è il programma… nel tempo in cui questi signori scorticano 1 metro di marciapiede in Giappone avrebbero realmente rifatto tutte le autostrade

da due settimane non hanno ancora finito di togliere il manto ai marciapiedi di una strada lunga circa 400 metri, chissà quando avranno voglia di riasfaltarli…
visto che lavorano poche ore al giorno e lasciano le macchine operatrici stesse sui marciapiedi costringendo i pedoni a fare gimcane tra automobili, buche e cumuli di asfalto grattato

province che scompaiono

Provincia di Piacenza (wikipedia)

al di là dei sentimentalismi e dei campanilismi, secondo i quali ci si potrebbe dispiacere per l’eliminazione di province come lodi e piacenza, penso che questo provvedimento sia la solita scorciatoia più demagogica che utile

non affronta il vero nodo della questione province: la (presunta) poca utilità di un livello amministrativo a metà tra regione e comuni

problema che si doveva e si poteva affrontare togliendo le cariche politiche provinciali e conferendo uffici e deleghe/competenze da provincia a regione

non siamo una repubblica federale, e quello che ci stanno spacciando da tanti anni per federalismo è un’accozzaglia eterogenea di colpi di legge a destra e a manca, anche se la base di tutto, se non erro, è la legge bassanini che stabilì le deleghe da affidare a comuni, province, regioni

aggiungo solo tre cose:

  • mi affascina la provocazione di andrea: aboliamo le regioni, non le province… avete presente cosa hanno in comune uno di sondrio e uno di lodi (cioè: niente), non è molto più vicino al territorio la provincia rispetto alla regione?
  • ma se il problema nasce dalla domanda “a cosa servono le province?” perché sono sconosciute o giudicate irrilevanti le deleghe ad esse affidate, non era sufficiente ricalibrare le deleghe tra comuni/province/regioni?
  • perché in altri stati europei hanno le province, o comunque tre livelli di suddivisione amministrativa al di sotto dello stato, e non le hanno ancora abolite? (domanda semi-retorica, questa)

Comportamenti Umani – Lodi, 5-8 maggio 2011

Organizzata dal Comune di Lodi, una quattro giorni di incontri, spettacoli e laboratori, dal titolo
COMPORTAMENTI UMANI – Emozioni, Idee, Decisioni.

Guarda il pdf della locandina:

[gview save=”1″ lang=”ita” width=”490″ file=”http://www.sbarrax.it/freelabs2/wp-content/uploads/2011/04/Comportamenti-Umani-2011.pdf” ]

Il lavoro mobilita l’uomo « Associazione culturale Adelante!

Pubblicizzo l’evento, stasera si parte con Tito Boeri, a Lodi…

Da Il lavoro mobilita l’uomo – rassegna stampa 1 « Associazione culturale Adelante!.

Si inizia lunedì 11 aprile con Tito Boeri “Contro i giovani – Come evitare che il Paese tradisca le nuove generazioni: lavoro e nuovo welfare per dare futuro all’Italia”

esterno_lavoro

interno_lavoro

Grazie a Michele

(not) at the bus stop

image

A Lodi, viale Anelli, tutte le mattine feriali, 7 bus su 9 sono chiusi, col solo conducente che spesso dorme o legge nell’attesa di fare una nuova corsa. E “naturalmente” si tengono al calduccio col bus acceso (per quanto chissà?)… Se passi di li’ in quei momenti non scordare la maschera antigas…

È nato il blog “Osservatorio sul Lodigiano” per la legalità

Cito “È nato il blog “Osservatorio sul Lodigiano” per la legalità su Briciole caotiche:

È nato il blog “Osservatorio sul Lodigiano” che vuole raccogliere notizie e riflessioni sugli episodi di illegalità nel Lodigiano per promuovere la cultura della legalità.
Lo segnalo non solo perché gli amici del “Coordinamento Legalità e Responsabilità del lodigiano” sono bravi e fanno un ottimo lavoro, ma perché mi sembra davvero un’ottima idea creare un luogo virtuale dover raccogliere e fare memoria di quanto accade nel nostro territorio. Gli episodi inquietanti (infiltrazioni mafiose, arresti di ‘ndrangheta, incendi sospetti…) si stanno susseguendo quasi quotidianamente nel nostro territorio ed quindi davvero utile darne rilevanza e tenerne traccia. Per contrastarli e fare memoria appunto.

Anche perché ancora fino a non molto tempo fa c’era chi sosteneva che da noi la mafia non esistee forse lo pensa ancora qualcuno.

Lo slogan del blog è questo: “Uno spazio per condividere informazioni, opinioni, riflessioni, idee su ciò che accade quotidianamente sotto i nostri occhi. Uno spazio per parlare di legalità, ambiente, cittadinanza attiva”.

camminando

… pensavo, fa bene, arrivare in ufficio dopo essersi confrontato con qualcuno che capisce perfettamente i tuoi rant lavorativi

pensavo,  per comunicare le variazioni di coordinate di un rid-ritel ci voglia ancora un foglio di carta da spedire, mi sembra anacronistico

pensavo, i check-in di foursquare fatti da un client che legga la posizione/geolocalizzazione, dovrebbero avere maggiore valenza rispetto ai check-in nudi e crudi (magari è già così e io lo ignoro)

pensavo, in questi giorni stiamo aggiornando, sia in ufficio che a casa, le varie ubuntu che abbiamo tra colleghi, ed è un po’ un bagnetto di sangue… magari non è un campione molto rappresentativo, ma su cinque upgrade solo uno è filato tutto liscio

pensavo,  qualcuno ai piani alti deve voler molto male a genova, visto che permette sempre che vi succedano dei grandi casini, casini che ieri hanno interessato uno di quei campi che assurdamente sono ancora neutri rispetto alle leggi dello stato e dove la violenza viene tollerata in nome di un presunto diritto “sportivo”

pensavo, che mi piace camminare e pensare, e che i dubbi sull’eterno dilemma tra l’essere miti e l’essere duri non sta in piedi, si può essere decisi senza avere il pugno di cemento armato, imho


segatura

mi sfugge il motivo per cui la manutenzione del bordo strada sulla s.s.9 via emilia tra casalpusterlengo e lodi sia stata fatta in maniera così grottesca negli ultimi due mesi
anche in orari di punta un’apecar fa qualche km al giorno, lenta lenta, a tagliare i rami e falciare l’erba, con due omini che regolano il traffico con le palette
finito questo strazio, ricomincia il giro, con un mezzo poco più grande, che tritura i rami tagliati e lasciati per settimane sul bordo della via emilia, stavolta dotati di semafori per regolare il senso unico alternato

tutto ciò che rimane è soltanto segatura

delle regionali e dintorni

a livello nazionale, il risultato delle regionali per il pd non sarà disastroso ma certamente è una sconfitta

sconfitta perché conferma l’emorragia verso la lega di una buona fetta di elettorato una volta di sinistra, e conferma che l’alleanza tanto desiderata con l’udc (vedi l’orientamento della corrente bersaniana alle primarie) non porta poi a granche’

laddove il pd vuole esserci perché punta sul suo elettorato e sul suo lavoro, raccoglie frutti, altrimenti rimane un simboletto purtroppo deriso e risibile

e localmente, nel lodigiano, abbiamo lavorato abbastanza bene, contando che il nostro candidato Santantonio ha doppiato l’impresentabile candidata pidiellina Guarischi ed entra in Consiglio Regionale

senza contare Guerini che si conferma sindaco a Lodi direttamente al primo turno

qui in breve i risultati e qui una prima analisi a caldo fatta da Gio’

un pensiero speciale va all’amico Marcello, che purtroppo non ce l’ha fatta a essere rieletto in Consiglio Regionale

Piste interrotte

Capisco che quando nevichi i ciclisti pazientemente sopportino che la priorità degli spazzaneve siano le carreggiate dedicate alle automobili, ma la nevicata abbondante è passata da tempo e non è giusto che le piste ciclabili rimangano dimenticate e impraticabili ancora per giorni (esponendo a ulteriori rischi i ciclisti stessi).

Come fate a immettervi su una pista ciclabile così?

Pista interrotta

SmogoSfera

Si parla di smog, nella realtà come nella blogosfera, e finalmente gli allarmi per le alte concentrazioni di pm10 rilevate vengono prese un po’ più sul serio.
Come ci ricorda Michele, anche a Lodi sta domenica ci sarà il blocco del traffico:

Domenica 31 gennaio blocco totale dalle 10 alle 18. Per i dettagli incollo sotto l’articolo de Il Cittadino di oggi (incollo sotto anche quello de Il Giorno, lo si può leggere anche qui).

E anche a SorciVerdi si parla di smog:

giù dal binario

mia moglie ieri pomeriggio doveva andare a milano, ma il treno è finito fuori dal binario: non hanno capito se si sia trattato di un cedimento di un asse di ruote, fatto sta che hanno cominciato a vedere la loro carrozza scendere verso sinistra, uscire dai binari, far schizzare i sassi contro i finestrini
hanno avvisato il giovane macchinista, incredulo e ignaro, il quale, dopo aver fermato il treno appena dopo la stazione di secugnago, ha pure ricevuto l’ordine da lodi di proseguire lentamente verso lodi, salvo poi rifermarsi nei pressi di san martino per evitare che da quella carrozza in poi finisse tutto fuori sede
hanno aspettato altre due ore prima di capire se l’alternativa era saltare su un treno eventualmente affiancato oppure andare tutti nelle prime carrozze ancora in binario per arrivare finalmente alla stazione di lodi
per fortuna non si è fatto male nessuno

la voce del patrono

oggi sono a casa, è la festa del patrono della città in cui lavoro
nella piazza del duomo, cominciano ora a distribuire un piatto di trippa gratis, sotto al broletto, tradizione tutta lodigiana
ho approfittato del gradito stop infrasettimanale per andare dal medico per i fastidi allo stomaco, di cui probabilmente la mia vita troppo pigra e ricca di alimenti gastrolesivi, è la vera colpevole
ho anche incontrato all’auchan, oltre al mio ex-collega del reparto pescheria (ove lavorai nell’estate 1997), anche gio’, collega ora di un settore diverso dal mio
tra una chiacchiera e l’altra, si parlava non solo d’ufficio, ma anche di bambini e di bucati, asciugatrici, seggiolini omologati per auto di diversi tipi e funzionalità
tutto questo mentre, come direbbe qualcuno, tutto intorno a lodi il resto del mondo lavora

a volte sembra che le condizioni contrattuali ce le siamo inventate noi, ma non è così 🙂