Archivi tag: notizie

Come se niente fosse 

Probabilmente in Giappone si sarebbe suicidato il Ministro dei Trasporti e forse anche il Primo Ministro, in Italia invece solo qualche trafiletto, molto meno scalpore insomma di qualunque altra cazzata da gossip.

Il fatto è che si ferma per un guasto alle linee di alimentazione dei treni niente meno che una delle stazioni più importanti d’Italia (se non La più importante, Milano Centrale) e niente, nessuna interrogazione parlamentare straordinaria, nessun messaggio di scuse di qualche esponente del governo, nessun provvedimento annunciato per far pagare un disservizio che può accadere impunemente solo nella stazione di un paese di mille anime, non per un crocevia di viaggiatori e pendolari al rientro da una giornata lavorativa, è inammissibile.

Una troppo rassegnata rassegna stampa:

May 11, 2011 — RT News line

Italian broadcaster fined for featuring Berlusconi

­The Italian Communications Authority, Agcom, fined the news department of the state national channel Rai 100,000 euros for mentioning Prime Minister Silvio Berlusconi too frequently and for ignoring the opposition. The decision was taken after a weeks-long analysis of the channel’s broadcasts on the approaching regional elections, which will take place the Apennines region on May 15 and 16. Berlusconi tops the Milan list of his People of Freedom party. Agcom also demanded other channels limit the frequency of references to Berlusconi, and fairly split the time among the representatives of the ruling party and the coalition.

via May 11, 2011 — RT News line.

Che sarebbe a dire, noi – specificando… quei cittadini che pagano il canone – paghiamo una multa che un organo dello stato commina a un’impresa di stato che viola un regolamento nazionale per adulare il capo del governo a cui piace fare campagna elettorale permanente di se’ stesso.

avvitamento.

[permalink]postato su freelabs[/permalink]

Il complotto nord-africano

Il tunisino a Brembate e il marocchino in Calabria.
Ma, soprattutto, gli squali egiziani che mangiano gli europei a Sharm.
Se fossi in Feltri, stamattina, urlerei al complotto.

muore haider: rischio mitizzazione?

Austria, in un incidente muore Haider – leader xenofobo dell’estrema destra

non è mai di buon gusto gioire alla notizia della morte di qualcuno

ma potrei aggiungere un ulteriore dispiacere alla morte di haider ora, dopo una vittoria elettorale arrivata dopo anni di un percorso di moderazione nei toni e nei termini del suo estremismo, che potrebbe essere il pericolo della mitizzazione di una figura, di un personaggio, del quale si rafforzi la carica ideologica all’interno di una zona che probabilmente non ha bisogno di ulteriori stimoli ultranazionalistici e xenofobi

succhede