Archivi tag: vita

Settoplastica e turbinati, un anno dopo

Un anno fa oggi fui operato di settoplastica e pulizia dei turbinati

La diagnosi era quella di un setto nasale deviato, la speranza quella di scaricare le alte vie respiratorie in modo migliore e alleviare sinusite cronica e intasamento.

La realtà è che i miglioramenti siano stati in realtà esigui, la sinusite è tenuta mediamente  sotto controllo e l’abitudine quotidiana dell’irrigazione nasale mediante lavonase scongiura intasamento totale.

Continua la lettura di Settoplastica e turbinati, un anno dopo

Rivergaro

Che ci pensi mai a quel posto incrociato più volte nella tua vita, un posto semplice, dove ci vivresti pure, dove l’aria ti sembra migliore e forse lo è realmente, però non è fuori dal mondo, nemmeno fuori dal mondo che vivi adesso?

Ecco, per me questa è la descrizione di Rivergaro.
Non certo Miami o Milano o Los Angeles, ma un posto a misura di famiglia e di serenità, IMHO.

Denso di ricordi, dall’infanzia, e anche luogo di origine di un pezzo della mia famiglia, sul lungotrebbia ci ho camminato vapori di nebbia e sibili di sudore e foglie nel vento.
Chi lo sa, potrebbe un giorno, forse, diventare da ricordo a presente costante… non sarebbe male.

Al vargher

Una foto pubblicata da marco frattola (@sbarrax) in data:

Al vargher

Una foto pubblicata da marco frattola (@sbarrax) in data:

Cambi

Febbraio 2012 mese di cambi.

Casa e Lavoro.
Dopo 5 anni a Fombio, si torna a San Rocco al Porto.
Dopo 11 anni di Zucchetti, si va a Milano, in una ditta giovane, più piccola ma più interessante e vivace.
Un po’ più di sacrificio dunque, ma l’aspettativa di qualcosa di più, anzi molto più di qualcosa. E’ questa la linea che accomuna i due cambi, neanche a farlo apposta contemporanei, neanche a farlo apposta uno finanzia l’altro.

camminando

… pensavo, fa bene, arrivare in ufficio dopo essersi confrontato con qualcuno che capisce perfettamente i tuoi rant lavorativi

pensavo,  per comunicare le variazioni di coordinate di un rid-ritel ci voglia ancora un foglio di carta da spedire, mi sembra anacronistico

pensavo, i check-in di foursquare fatti da un client che legga la posizione/geolocalizzazione, dovrebbero avere maggiore valenza rispetto ai check-in nudi e crudi (magari è già così e io lo ignoro)

pensavo, in questi giorni stiamo aggiornando, sia in ufficio che a casa, le varie ubuntu che abbiamo tra colleghi, ed è un po’ un bagnetto di sangue… magari non è un campione molto rappresentativo, ma su cinque upgrade solo uno è filato tutto liscio

pensavo,  qualcuno ai piani alti deve voler molto male a genova, visto che permette sempre che vi succedano dei grandi casini, casini che ieri hanno interessato uno di quei campi che assurdamente sono ancora neutri rispetto alle leggi dello stato e dove la violenza viene tollerata in nome di un presunto diritto “sportivo”

pensavo, che mi piace camminare e pensare, e che i dubbi sull’eterno dilemma tra l’essere miti e l’essere duri non sta in piedi, si può essere decisi senza avere il pugno di cemento armato, imho


robe da chiodi

son segnali
che devo tornare a viaggiare in treno
il traffico cittadino e delle strade che congiungono lodi e la bassa, si stanno saturando di nuovo, dato che la calma estiva é passata

dopo cinque mesi vado a rituffarmi nella lotteria del piccolo pendolarismo ferroviario, mi conviene sia in termini economici che di salute (meno stress da guida e qualche km a piedi tutti I giorni)

c’è la rotonda del conad di casalpusterlengo che è palestra di prepotenze e fucina di idee perverse sulla guida creativa
alla faccia dei rottami che la nostra provincia ha lasciato come memento
c’è il paradosso viabilistico lodigiano, per cui tutte le connessioni alla città anziché avvalersi della tangenziale come collettore di alleggerimento, ci si strozzano dentro (è come se la natura decidesse di piazzare una forca al posto di una foce)

lugliatico

son le sette, il sole inizia a scaldare sul serio
Un’ora fa Wind mi avvisa del porting numero effettuato
Due ore fa eravamo sul balcone, al fresco, con Caterina che non ne voleva sapere di dormire
Spero solo che la settimana prossima,in.vacanza,le cose vadano diversamente
piu` che altro per non tener sveglio tutto l’albergo
Cerco doccia e caffe` per trovare la forza di andare in un ufficio vuoto di stimoli
É luglio a rallentatore