puntini di sospensione #2006-09

skyyyyprendo un po’ di respiro, dal ferro da stiro, ma son più tranquillo perchè la pila di panni urlanti è calata considerevolmente e con relativamente poca fatica

a tenermi svegli, un bricco di improvvisato caffelatte, radio deejay a basso volume, la voglia di riattivarmi, le decine di pensieri in background…

non so come mai, sentendo la bambina che piange, nell’appartamento qui sotto, mi vengono in mente bambini recenti (figli di gio, alfre, fabio) e bambini desiderati (cecchino, _…_) , e si installano commozione, tenerezza, riflessioni

quando oggi un mio collega ha pesantemente litigato con diversi operatori sgarbati e incompetenti di Tre (colpevole di aver ciccato completamente un’operazione di portabilità, causando la perdita del numero vecchio anziche’ di quello temporaneo), mi son tornati alla mente gli sfoghi di claudio e della sua triste esperienza (a proposito, sta arrivando ottobre… avete cambiato operatore?) ed effettivamente notavo l’enorme differenza che c’è con il servizio clienti di vodafone (di cui sono ancora cliente con la mia prima sim), che sta dieci piani più in alto, in termini di serietà, gentilezza e considerazione del cliente

dopo un consistente periodo a lurkare, mi sta tornando la voglia di riaccendere la miccia… di piccole e grandi cosucce da affrontare – che sia la questione europea sui brevetti software, che sta tornando alla ribalta, o che sia lo Stato che distrattamente negligente si dimentica per strada dei pezzi di buon senso e di democrazia digitale, fingendosi “innovatore attento al panorama degli strumenti ITC (Decreto Bersani e “i C.A.P. in vendita” sono segnali preoccupanti) – ce ne sono
e ci sono, lo so, anche le persone con cui affrontarle e concretizzare

mi piace l’idea di piccolo planet messo in piedi da maxer, entro il quale aggregare i feed di persone che, al di là di ogni sigla o ufficialità, “fanno gruppo” in quanto tale, per quello che fanno, dicono e sostengono