ritmi serenamente serrati

faccia a faccia stamattina una simpatica fisiatra, dalle fattezze di rosi bindi, ma decisamente più simpatica, mi ha finemente preso in giro per la mia sedentarietà e per il mio collo dritto; tutto sommato aveva ragione, ora toccherà a una strana e improbabile forza di volontà, decidere di fare “più sport e movimento”

domani sarò al linux day a piacenza e sto masterizzando decine di copie di barGNU (con l’aiuto della mia stellina, che mi ha portato a stampare le copertine), mentre preparo tante altre cose, visto che sarà un week-end “intenso” anche per altri versanti…

consiglierei a tutti un giorno random di astinenza dal lavoro, per assaporare il tepore di negozietti e mercati rionali, il ritmo e le abitudini di massaie, artigiani girovaghi e studenti fugaioli, aiuta, è proprio terapeutico…

d’ogni tanto, mi piacciono questi post “vetrina” di cazzi miei, anche perchè sento che, così impegnato in questioni e questioncine, potrò tranquillamente bollire nel mio brodo senza preoccuparmi di problemi più “alti” e ingombranti… è giusto che il popoletto stia nel suo orticello … e poi, tra le tante “rogne”, non mettiamoci anche la cosiddetta “tropicalizzazione”, dal momento che andare in giro in maniche corte alla fine di ottobre non è poi così tanto male, no? … in attesa del prossimo devastante diluvio …