anniversario di indipendenza

ho appena finito di lacrimare abbondantemente a causa dell’audiovisione del violoncellista Yo-Yo Ma (concerto alla Scala di Muti di diversi anni fà, trasmesso stasera da Iris), che mi ricordo da fare brindisino analcoolico per il secondo anniversario di (mia) indipendenza

i ritmi autodistruttivi non sono certo calati rispetto a un anno fà, ma è aumentata la capacità di prendere tutto con una notevole dose di calma
dalle pulizie, all’organizzazione della spesa, alle risorse alimentari fresche e non (notevole differenza a mio vantaggio quest’anno la fa il congelatore a pozzo!), tutto gode di una dimensione più umana e meno isterica