liberi cantieri di sbarrax
schedatura
schedatura

schedatura

“Schedati perché nomadi”
I supercommissari in azione

(…)    “Inizieremo – spiega Mosca – dai campi abusivi in modo tale da fare una ricognizione attenta della qualità delle persone presenti.Poi si passerà ai campi autorizzati.L’ordinanza prevede per tutti, comprese donne e bambini, l’utilizzo dei rilievi segnaletici”.   (…)

Se la notizia è riportata senza forzature, ha dell’inquietante.
Che dei cittadini italiani, con cartà d’identità e ovviamente registrati all’anagrafe, vengan sottoposti a schedature come quelle avvenute a Milano e quelle descritte a Roma dal prefetto Mosca, mi suona di discriminazione razziale e intimidazione. O forse esagero?

2 commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: