[Chrome] Ti abbiamo fatto arrabbiare?

Provate a disinstallare Google Chrome, vi chiederà “Ti abbiamo fatto arrabbiare?“:

Ti abbiamo fatto arrabbiare?

Stamattina ho disinstallato Google Chrome, non per particolari motivazioni tecniche negative, é soltanto perchè tutto sommato stava diventando più che altro un simpatico giocattolo, neanche troppo leggero se si guarda la somma delle risorse impegnate dalla crosta e da tutte le schede.

E` certamente un prodotto tecnicamente ben fatto, ma alla resa dei conti non invoglia a sostituire firefox (e nemmeno IE), e di certo non è una sorpresa dal punto di vista del rendering, visto che in teoria utilizza lo stesso motore di Safari (che già uso periodicamente, sia su Windows che su MacOsX, per testare gli applicativi che sviluppo sul lavoro).

Trovo che sia un’ottima iniziativa di marketing, caratterizzata da un’interfaccia leggera, una localizzazione accattivante, semplicità funzionale (forse troppa, per alcuni).

Firefox, oltre a esser un browser e largamente multipiattaforma, è un vero proprio strumento di sviluppo e di test, estensibile.

Quindi ciao ciao Chrome, sei stato un esperimento simpatico. Arrivederci alla prossima volta, sperando che tu possa rosicchiare quote importanti a IE e aumentando la competizione, far crescere la coscienza delle alternative.

5 pensieri su “[Chrome] Ti abbiamo fatto arrabbiare?


  1. Bhè, un warning carino no? Fa molto gatto di Shrek, occhioni dolci…daiii non mi disinsatallareeee!!


  2. Ma che sorpresa quando ho provato a disinstallare Google Chrome da un PC Windows XP!!!

    Dopo un ironica richiesta di conferma (”Ti abbiamo fatto arrabbiare?”) la disinstallazione si avvia e si conclude con l’apertura di Internet Explorer puntato su un sito Google di richiesta di feedback.

    A questo punto un comune mortale, senza particolari competenze tecniche, ritiene di avere definitivamente eliminato ogni traccia del prodotto disinstallato dal proprio PC.

    Peccato che in realtà la disinstallazione non rimuova completamente e definitivamente Chrome.

    Ecco cosa rimane sul vostro PC:
    – Un Processo attivo: “GoogleUpdate.exe”
    – Un registry impostato per eseguire questo “GoogleUpdate” ogni volta che attiverete la vostra sessione Windows (HKEY_CURRENT_USERSoftwareMicrosoftWindowsCurrentVersionRunGoogle Update)
    – Circa 12 MB di pertinenze del software Google in “%USERPROFILE%Impostazioni localiDati applicazioniGoogle”
    – In un caso ho anche trovato un task di Windows: “c:WINDOWSTasksGoogleUpdateTaskUser” impostato nel seguente modo:
    * Pianificazione “Esegui quando il PC è inattivo”
    * Prossima Esecuzione “QUando il PC è inattivo”
    * Ultima Esecuzione “Mai”

    A parte gli immediati dubbi che mi hanno immediatamente assalito riguardo alla ragione per cui un software dovrebbe lasciare, anche dopo la propria disinstallazione, processi che si attivano automaticamente all’inizio della sessione Windows, materiale sul disco, etc., ed alla liceità della cosa, mi sono comunque trovato a dover rimuovere a mano e con tanta pazienza dal mio PC tutte le tracce che Chrome ha lasciato. Tante grazie, Google Chrome!
    Ed ora mi trovo a meditare sul fatto che probabilmente mai nessuno rimuoverà i residui della disinstallazione di Chrome, dai PC dei comuni mortali senza specifiche competenze tecniche. E che tutti questi simpatici processi continueranno ad essere allegramente attivi, occupando risorse di sistema, risorse di rete su Internet, solo per scambiare tutte quelle innocue (?) informazioni sugli aggiornamenti con i siti di Google.
    E devo dire agli amici di Google, molto sinceramente:
    “Sì, mi avete fatto proprio arrabbiare!”.


  3. @Paolo, magari non l’hanno fatto in malafede no? CMq dopo un riavvio quelle cose di cui parli spariscono…amgari per rimuovere alcuni componenti avevano bisogno di un riavvio e hanno lasciaro delle cose schedulate, sarebbe stato carino avvisare, ma comunque è ancora una beta no? E tranquillo che arriveranno anche versioni epurate da questi “malefici” google essendo chrome open source.


  4. Google chrome ha i suoi pregi e i suoi difetti come del resto tutti i broweser…per chi sviluppa sul web il migliore rimarrà sempre firefox (pacchetto estensioni senza eguali). Chrome è veloce e abbastanza scarno, adattissimo ad utente che si accontenta di un utilizzo standard, non dimentichiamoci però che explorer con la versione 9 ha fatto grossi passi in avanti, il tutto a beneficio degli utenti 🙂 viva la competizione!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.