Mese: Settembre 2009

Panebianco e carne rossa

Stamane c’era un po’ di foschia, nella Codogno che si alza presto.
La vita attuale corre più forte e decisa delle amarezze post-congressuali; mi fermo a leggere il corriere, sul quale spicca l’editoriale di Panebianco sulla legge in esame al Parlamento in merito alla fine vita.

Panebianco parla di zona grigia.
Ovvero quello spazio che il legislatore dovrebbe lasciare all’autoregolazione della società, intesa come l’adattamento del comportamento degli attori coinvolti in ogni drammatico caso in cui ci sia da decidere cosa fare di un individuo in stato vegetativo.
C’è solo una cosa di cui non parla, nel suo desiderio di un testo ‘liberale‘: il testamento biologico.
E’ come se il concetto di diritto individuale a decidere per se stessi attraverso un atto depositato fosse comunque precluso.

Mi sembra di leggere una ‘morale’: evitiamo lo strapotere dei giudici, ma anche l’ingerenza di eccessive visioni confessionali, lasciando esclusivamente la decisione a medici e famigliari.

Un po’ limitante, se mi posso permettere.

me, 1986

Un’opposizione seria, compatta, affidabile « Blog del circolo online del PD “Barack Obama”

Mentre l’ex ministro Visco (e non è il solo, ndr) dice che se le primarie non confermano la scelta dei circoli bisogna sciogliere il partito, l’ex vicepremier Rutelli presenta un libro in cui spiega che il Pd non è mai nato, e l’ex ministra Bindi rivela che circolano organigrammi per rifare la spartizione delle uniche poltrone rimaste al partito (quelle di Camera e Senato) e Civati riporta le voci secondo cui qualcuno vuole che Franceschini si ritiri, ma Franceschini nega e dopo aver fatto il cameriere alle feste del Pd passa il sabato a sbandierare il tricolore sul Po.

Intanto in un paese di provincia di Cosenza la mozione Bersani ha curiosamente ottenuto più votanti di quanti hanno votato Pd alle ultime elezioni.

(via Un’opposizione seria, compatta, affidabile « Blog del circolo online del PD “Barack Obama”.) – ( via blog di Alessandro Gilioli )

buon compleanno presidente

73 e non sentirli
oggi è il suo compleanno e consegna 400 nuovi appartamenti ai terremotati
chi non vorrebbe avere un nonno così generoso?

tanti auguri

critico

dopo due congressi locali, uno nel paese dove vivevo fino a tre anni fa, e l’altro nel circolo dove sono adesso, rimangono sensazioni a caldo di delusione troppo complicate e troppo poco elaborate

la delusione non è tanto per i risultati quanto piuttosto per gli atteggiamenti e la mancanza di volontà nel porsi come prioritario il metodo

tante di quelle chiacchiere che con le mozioni c’entravano così poco, da far sbadigliare o addirittura addormentare la platea, subente monologhi da 20-25 minuti che andavano ben oltre i 15 minuti a disposizione e ben diversamente dallo spiegare che cosa quella candidatura stesse proponendo in concreto

yawn


deve passarne ancora di acqua sotto i ponti

I Sì e i No per Cambiare l'Italia [Marino]

Akzo Nobel, stavolta è finita [Fombio]

A casa tutti i 185 dipendenti

La notizia choc alla fine ha trovato conferma: lo stabilimento dell’Akzo Nobel a Fombio chiuderà. L’ufficializzazione è arrivata durante l’incontro di questa mattina in Assolodi tra le rappresentanze sindacali e i manager della multinazionale olandese, che hanno rivelato che la decisione di trasferire all’estero le produzioni del sito produttivo lodigiano risale ad almeno tre mesi fa. A rischio 185 posti di lavoro, i sindacati hanno ribadito anche nel corso dell’assemblea con i lavoratori che si è svolta a Fombio che verranno intraprese tutte le iniziative possibili per la difesa dei dipendenti Akzo


correlati:

emozioni all'ingrosso

lo sfruttamento mediatico delle emozioni che “uniscono il paese” è sempre un’ottima alternative alle vicende erotico-sessuali da gossip presidenziale, per evitare di fare cronaca vera

Nuovi colori

I colori di questa giornata, li metto su tutti i muri che passo.
La vita di questa gioia, è amore al collasso.
Cammino, felice per ogni sorriso,
perché ho deciso,
che i colori sono dentro di me.

dal dentista

ieri sera ero dal dentista – tipo di luogo a me famigliare, dato che ho passato tanto tempo tra sale d’aspetto e trapani, per quasi vent’anni della mia vita – e mi sono accorto che la rivista panorama del gruppo mondadori a esse deve probabilmente la sua tiratura

nel numero che ho sfogliato, ho letto dei giochi di potere interni alla chiesa cattolica, bertoniani contro ruiniani, a partire dal cosiddetto “mistero boffo”, passando per l’enorme arsenale mediatico in possesso del vaticano, per arrivare al riassetto degli equilibri interni che il periodo ratzingeriano sta influenzando in senso ultra-conservatore

insomma, qualcosa da far paura (o sdegno, o ribrezzo, dipende dai punti di vista) più di qualunque intervento dentistico, c’è da crederci …?!? 😛

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: