Anno: 2011

Monti e il concorso di bellezza

E i cittadini cominciano ad essere informati. Sanno che si devono assegnare le frequenze digitali televisive.
Capiscono perfettamente che quelle frequenze sono proprietà dello Stato e dunque appartengono a tutti. Apprendono infine che le frequenze valgono sul mercato – come ha spiegato qui Giovanni Valentini – 16 miliardi, cioè più di metà della manovra.

E dunque, com’è possibile che questo bene pubblico così importante venga regalato agli operatori tv attraverso il “beauty contest” deciso dal governo Berlusconi, cioè quel “concorso di bellezza” che cede gratuitamente le frequenze a Rai e Mediaset?

Il governo ha un’unica strada davanti a sé, coerente con la cultura del mercato e della concorrenza di Mario Monti: blocchi subito quella falsa gara gratuita e indichi un’asta regolare, che non regali ma valorizzi le frequenze a vantaggio dei conti pubblici. E dichiari che le risorse serviranno a restituire alle pensioni fino ai duemila euro quella difesa dall’inflazione che la manovra ha tolto, sopra i 936 euro.

via Lo scandalo delle frequenze – Repubblica.it.

Mi associo con forza all’appello “Rifate l’asta delle frequenze, recuperate quei miliardi di Euro, addolcite i tagli sulle pensioni e i prelievi sui risparmi“.

AirDroid, una prima prova

L’impressione è ottima, l’ho provato ieri sera…
AirDroid, sulla wi-fi casalinga, è veloce da configurare e far funzionare, e funziona decisamente bene e senza intoppi.

Completo di tutti gli aspetti di uno smartphone, il fatto che giri in un browser è il suo difetto e il suo pregio.

A meno di cambiamenti dello stile di vita – uso lo smartphone come e più di un notebook – dubito un uso massiccio nel prossimo futuro, ma le funzionalità sono interessanti.

Anche più del Samsung Kies che di più penso abbia soltanto il check aggiornamento del firmware.

Related:

cammina cammina

Da un po’ di giorni nostra figlia Caterina ha iniziato a camminare
E ancora non riesco ad abituarmi, mi sembra incredibile

Adesso che sto riorganizzando le foto per sfruttare alcuni buoni sconto di foto aruba in scadenza,
mi accorgo del percorso
del viso
dello stupendo mondo
che cresce negli occhi, nelle braccia, nelle gambotte
delle nostre bimbe

cammina

anche Clooney e Cristiano Ronaldo

Vip eccellenti chiamati a centinaia a testimoniare nel processo Ruby
Come a ricordarci che Silvio non può scompaire dalle nostre vite, è sempre al top delle nostre cronache mondane

Napolitano chiede cittadinanza per immigrati nati in Italia

Mi auguro che in Parlamento si possa affrontare anche la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un’autentica follia, un’assurdità. I bambini hanno questa aspirazione“, ha detto il capo dello Stato oggi al Quirinale nel corso di un incontro con la federazione delle chiese evangeliche.

via Napolitano chiede cittadinanza per immigrati nati in Italia | Prima Pagina | Reuters.

Per contro, la Lega Nord, attraverso le “paroledi Calderoli, annuncia “le barricate”.

Caro elettore, quando andrai a votare la prossima volta, ricorda che la scelta di civiltà è quella indicata da Napolitano.
Il resto è propaganda con argomenti da trogloditi.
Trogloditi che agitano pretestuosamente il principio della reciprocità (dare un diritto a uno straniero se nel suo paese d’origine quel diritto lo concedono a noi).

[feature request]

market.android.com 2011-11-9 12-27-0sarebbe bello poter configurare determinate app anche da web

alcune lo fanno, certo, ma la cosa veramente cool sarebbe avere il market di android come “intermediario”

mi spiego: il market – in tutte le sue manifestazioni – potrebbe prevedere un’area dati, anche solo un file di testo semplice o xml, dove poter scambiare con le app informazioni di configurazione o anche puramente descrittive
queste informazioni si dovrebbero poter editare sia dal web che dal dispositivo android

esempi

installo una app per il podcast (p.e. hapi), il passo successivo è configurare le fonti… dalla navigazione è spesso malcomodo (far copia del link e incollarlo in hapi), o in certi casi impossibile
con un’area di interscambio dati come scrivevo sopra, posso comodamente inserire dal desktop le mie sorgenti (tipicamente delle URL di feed xml) e hapi potrebbe cercare fonti direttamente in essa