Codemotion 2016

Avrei voluto scrivere un report dettagliato su questa conferenza di due giorni, ma non ne ho avuto le energie (o meglio, avevo iniziato ma ho perso la bozza a causa di un mancato sync dell’app di Evernote).

Note positive sono state la grande qualità dei keynote di inizio giornata (di sabato in particolare, dove un ragazzo di 13 fa un discorso fantastico riguardo all’etica dei programmatori e ricorda commosso Alan Turing, padre del computer e persona tormentata per la sua omosessualità).

Molto piacevole anche l’aver incontrato ex-colleghi di Fashionis e Agavee/SparkFabrik.

Guardando ai talk, ho scelto di dedicare il mio percorso ai filoni DevOps e Microservices e in ultima alternativa, AI/Machine Learning… sul primo filone ho trovato talk interessanti  esposti con chiarezza, in merito a Kubernetes, Docker, Architetture ServerLess.

Per quanto riguarda Microservices invece sono rimasto un po’ deluso, l’unico talk visto è stato quello di Mark Heckler (Pivotal): Living on the Edge (Service): Bundling Microservices to Optimize Consumption for Devices with Spring Cloud & Netflix.
Il buon Heckler ha calcolato male i tempi per una sorta di demo live, molto efficace per carità, ma rischiosa: non puoi fare una demo live così ambiziosa avendo 40 minuti a disposizione (di cui ne ha sprecati 10 in inutili premesse).

L’altro talk sui Microservices di venerdì pomeriggio è stato agilmente cancellato senza colpo ferire :-/

Indi per cui mi son gettato nell’area di AI e Machine Learning… con speaker di una noia mortale, slide a dir poco inefficaci, insomma dei fiaschi totali #1 #2

Il vero campione del sabato, quello che vale il prezzo del biglietto, è stato Sven Peters di Atlassian con il suo “Coding Culture“, roba di un altro pianeta proprio…



 

Anche in merito alla TDD il buon Vaccari non ha raccontato nulla di nuovo, la sostanza era veramente poca, più che altro era talk di citazioni da libri sulla TDD senza alcun valore aggiunto


Dal punto di vista organizzativo  e logistico c’era qualche pecca:

  • sottostimato l’afflusso ai pasti, organizzato decisamente male e quindi poco fruibile
  • il posizionamento dei laboratori e dei banchetti nei corridoi era veramente un supplizio per il percorso obbligato tra un’aula e l’altra, gli spostamenti erano veramente difficoltosi

La location era ottima, il Politecnico Bovisa, dal punto di vista delle aule. Da quello degli spazi forse penserei la prossima volta a un posto con disimpegni e passaggi più agevoli.

15235551_1288431664512472_3913146097836476547_o wp-1480283396624.jpgcyhti1yxuae5xbg   wp-1480283397035.jpgwp-1480283396483.jpg wp-1480283397048.jpg wp-1480283395578.jpg wp-1480283395011.jpg

 

wp-1480283394548.jpg wp-1480283394557.jpg wp-1480283394592.jpg wp-1480283391108.jpg wp-1480283391104.jpg


Link:


Versione originale lunga

 

L’atmosfera era fertile e frizzante,
L’aspettativa molto alta e direi complessivamente ripagata
I  keynote introduttivi di venerdì mattina erano molto timidi, impallidivano al confronto con quelli di sabato
Talk su kubernetes
Interessante panoramica generale su come in un’azienda abbiano messo in piedi un’architettura scalabile grazie a Docker e Kubernetes
Un po’ timido, sia l’inglese maccheronico sia il livello di approfondimento veramente superficiale, da un talk di livello “intermediate” mi sarei aspettato qualcosa di più
Talk Tdd
Lo speaker è sicuramente un personaggio esperto, spigliato, ferrato sull’argomento
Percezione e curriculum vitae collimano
Il taglio “questa è la mia esperienza” viene abusato,secondo me, quando si cede insistentemente alla citazione dei tuoi maestri,il rischio è di dare troppo contesto e poca sostanza
Mi ha trasferito il concetto “come diventato bravo a fare Tdd” ma non mi ha dimostrato di esserlo in pratica
Per carità, mi fido, però pago per assistere non solo a uno spettacolino,ma soprattutto per stimolare la mia mente facendomi incuriosire e ragionare
Questo invece sembrava più una rubrica “consigli per la lettura”
Talk Apply big data
Un livello molto superficiale e una parlata con accento tedesco piatto ha reso questo talk apparentemente interessante in una nenia per la quale era difficile mantenere la concentrazione: un peccato
Combining AI and IoT
Anche qui lo speaker,russo,con un cv di tutto rispetto,ma totalmente incapace di trasferire qualcosa alla platea
40 minuti seduta a recitare una cantilena tutt’altro che entusiasmante, a leggere slide di fattura scadente, qualcosa  di facilmente dimenticabile
Distributed system explained.  Bruno Bossola
Talk in italiano di un simpatico intrattenitore piemontese residente a Londra
Come panoramica e taglio hands-on è stato un bel talk, molto pratico e ben dosato, anche se molto base

Sabato

Il keynote di apertura affidato a un tredicenne stupefacente, e commovente mentre dedica la sua iniziativa a Alan Turing

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.