Giorno: 3 Ottobre 2019

Refactoring

Siccome mi capita di sentir parlare di “refactoring” o “rifattorizzare” a ogni dannata modifica, giova ricordare che la pratica in oggetto non riguarda la correzione degli errori di codice e/o di analisi, bensì è quella volta a ridurre debito tecnico…

In ingegneria del software, il refactoring (o code refactoring) è una “tecnica strutturata per modificare la struttura interna di porzioni di codice senza modificarne il comportamento esterno“,[1] applicata per migliorare alcune caratteristiche non funzionali del software quali la leggibilità, la manutenibilità, la riusabilità, l’estensibilità del codice nonché la riduzione della sua complessità, eventualmente attraverso l’introduzione a posteriori di design pattern.[2] Si tratta di un elemento importante delle principali metodologie emergenti di sviluppo del software (soprattutto object-oriented), per esempio delle metodologie agili, dell’extreme programming, e del test driven development.