Tag: alpini

86esima Adunata Nazionale Alpini a Piacenza

Un grande evento
capisco il disagio manifestato da molti piacentini
ma limitato a tre giorni è nulla
rispetto alla festa di un corpo unico nel suo genere
che va oltre l’aspetto militare
perché non rappresenta la guerra
ma lo spirito di sacrificio e di solidarietà
in nome della patria

Certo, nella moltitudine
ci saranno stati ubriachi e invasati e stupidi
ma la città che ho trovato stamattina andando in stazione
era pulita come non mai
come se non fosse successo niente,
invece quattrocentomila persone – quattro volte gli abitanti della stessa Piacenza – hanno dato uno splendido esempio di festa

Ecco alcuni stendardi storici della “mia” Brigata, la Julia:

86esima Adunata Nazionale Alpini a Piacenza - Stendardi Julia

San Matìo

San Matìo

Co la regina de San Matio la vole l’acqua rento ‘l so castello,
ma che la porta el capitano, quel che comanda la cità de Gia-no.
Ma ‘l capitano ga za l’amore, la ze la fiola de Lilano Belo;
el se le porta nel so castelo e l’indormenza co ‘le serenate.
Le serenate del capitano le sveja tuta la cità de Giano.
Ma la regina no’ ze contenta: la vole l’acqua de la Valle Scura.
El capitano el ga paura, el ga paura de la Busa Fonda.
La Busa Fonda, la Busa Nera, el capitano belo el se dispera.
El se dispera el capitano, quel che comanda la cità de Giano.
Ma la regina no’ ze contenta: la vole l’acqua rende l’erba men-ta.
Co’ l’erba menta, co’ l’erba amara, la Busa Fonda la diventa ciara
, col primo sole de la matina, la prima onda ze de l’acqua fina.
Col primo sole, la prima onda, co’ l’acqua fina la diventa bionda,
col primo sole de la matina, la prima onda ze de l’acqua fina.
Col primo sole, la prima onda, co’ l’erba menta la diventa bionda,
col primo ciaro de la matina el capitano beve l’acqua fina.
Ma la regina no ‘ze contenta: la vole l’acqua rento ‘l so castelo;
che ghe la porta, col capitano, la vol la fiola de Lilano Belo
Lilano Belo dal campo tondo ga tanti fiori che profuma ‘l mondo,
ma ‘l capitano li porta via così la storia ‘desso ze finìa.
La ze la storia del capitano, quel che comanda la cità de Gia-no.
La ze la storia de la regina che la voleva tuta l’aqua fina.
Ma ‘l capitano la porta via, così la storia ‘desso ze finìa.

Sembra strano, ma sta canzone è quella che abbiamo ascoltato di più in vacanza.
E` capitato sotto mano il cd del coro degli alpini, direttamente dalla mia naja, e tra un inno e una preghiera, c’è questa canzone di chiara accezione veneta 🙂 che è fortissima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: