gmail

Troppi colori 

Gmail non gradisce che si creiino troppi custom colors per le etichette, sapevatelo

Curioso, perché rivela una memorizzazione per utente delle varie combinazioni, immagino

Una scelta quanto meno vintage, se fosse così, però non mi permetto di criticare la modellazione di un’entità così banale

Gmail nested labels

Mi sono accorto ora che dentro Gmail c’è la possibilità di creare/gestire etichette annidate:

gmail-nested-labels

ovviamente per chi usa la posta di gmail via imap, poco cambia, visto che nel client di posta (p.e. thunderbird) già si potevano fare tutti gli spostamenti/annidamenti voluti, ma poter gestire questa flessibilità anche nella webmail è notevole (e, come ci ha abituato google, è ben implementato).

gmail offline

stamp-gmail-offline stamp-gmail-offline-2 stamp-gmail-offline-3 stamp-gmail-offline-4--syncing

Ammetto che, mentre provavo gmail offline, mi è venuto lo sghiribizzo di farci un post, catturando le fasi più significative di un processo di “installazione” veramente veloce e facile da effettuare.

Ma i tutorial e le descrizioni passo-a-passo le sanno fare meglio altre persone, quindi appena ho letto questo post di Dario Salvelli, ho ridimensionato l’iniziativa e mi limito dunque a una considerazione: non sulperchè usare gmail offline”, e nemmeno sul “quando“, ma più semplicemente sul “come: infatti non è certamente un prodotto innovativo di per sè, un client per la posta offline… e come si discuteva qui, oggi come oggi parlare di “offline” suona pure anacronistico; le esigenze possono essere le più disparate e probabilmente sono più legate a circostanze di nicchia o di emergenza (posti senza copertura wi-fi o umts, periodi di “buio di connettività” casalinga, viaggi su treni “sfortunati”…), ma direi che il vero punto vincente è la strategia di bigG: prima ti abituano a “essere gmail-centrico”, infarcendo una webmail di feature come la chat (+audio + video), i task, e vari altri lab, e poi ti tolgono anche una delle ultime remore che potresti avere nell’utilizzare solo gmail al posto del tuo client di posta preferito… il che significa essenzialmente abituare gli utenti a usare sempre e solo la loro interfaccia, che è ovviamente un ottimo vettore di advertisement.

Senza contare che se usi diverse piattaforme, probabilmente dovrai gestire client diversi o comunque passibili di un minimo di gestione; mentre per gmail offline non c’è altro che da installare Google Gears, quindi nessun altro applicativo particolare, di cui imparare o manutenere le funzionalità.

Che tipo di spazzolino utilizzi?

View Results


Loading ... Loading ...

crash di firefox su gmail…

crash firefox

Ho osservato di recente un curioso fenomeno, ripetibile, per il quale Gmail con dei Labs attivi mi fa andare in crash Firefox (su Windows)…
Spuntare nelle opzioni di Firefox Check my spelling as I type evidentemente entra in conflitto con qualche altro correttore in linea attivo, in javascript, dentro gmail, al punto da far crollare il browser…