blog

Fulmini

Torino

Fulmini e ricordi

Era l’estate 1981 se non erro.
Quella del dramma del piccolo Alfredo caduto e morto in un pozzo a Vermicino, estate che rimane a lungo nella memoria, si attacca per emozioni, colori, ansie, drammaticità.

Spesso ero a cena da mia nonna, sul medesimo piano della palazzina a San Lazzaro, e concludevamo il pasto con l’anguria. Segnava la fine della serata con un tramonto che durava tanto, mi sembrava infinito.

A fine agosto si accorciava e subentravano le nubi, e i temporali, a volte (poche) erano violenti e spettacolari e incutevano timori, tanto che mettevamo le candele di San Biagio sulla finestra pregando la clemenza meteo.

Gesti e scaramanzia che scompaiono. Ma rimangono nella memoria insieme ai fulmini che coprivano enormi porzioni di cielo, e al rumore sordo e imponente dei tuoni.

Tornando a casa stasera ho visto gli stessi fulmini, larghi come tutto il cielo visibile.

linkedin-new-reaction-icons

Dissenso Vietato

linkedin-new-reaction-icons

Da questo post visto su LinkedIn riemerge prepotente
la visione di questa società votata al consenso
in cui critiche e dissenso sono viste come “seccature”

Sui social network non esiste il “dislike“, esistono varie gradazioni di consenso, al massimo esiste il dubbio.

Sul gigante dei social network poi ci sono delle reazioni che coinvolgono le emozioni negative, ma non esprimono mai in modo diretto un dissenso nei confronti del contenuto pubblicato.

Insomma, in questa visione della società, si può solo essere d’accordo, più o meno.

Chi si pone in atteggiamento critico è un “rompiballe“,
è uno che non lascia lavorare i “positivi”, perché chi “lavora”
è positivo e non ammette dissenso e critiche, non ha “tempo da perdere

La realtà poi ci mostra che questa tendenza porta a:

  1. assuefazione alla mancanza di una visione critica;
  2. conseguente creazione di menti attitudinalmente incapaci di vedere i problemi in anticipo;
  3. assenza di risultati concreti e positivi: infatti la mancanza di una visione critica  porta (vedi punto 2) a dei disastri inevitabili, non solo per l’entropia generale delle “cose del mondo“, ma soprattutto per la cronica mancanza di organizzazione  (mancanza che viene comodamente mascherata dai famigerati problemi di comunicazione e tana-libera-tutti).

Scagliarsi contro i social media non serve, bensì da essi si ha il punto di vista privilegiato sulla società che involve:

  • aziende che esaltano qualunque minimo passo come se fosse la scoperta del Bosone di Higgs, e poi nascondono nell’oblìo più totale e imbarazzato piccole sconfitte ed emorragie del personale;
  • politici de noantri che hanno sorpassato la dialettica degli sterili litigi con un “lasciateci lavorare” salvo poi lasciare tutto come è
    • un ponte crollato a Genova l’estate scorsa non solo non è stato ricostruito, ma i suoi monconi sono ancora lì;
    • l’evasione fiscale è ancora lì, viva e vegeta, grassa come parecchie manovre finanziarie;
    • mirabolanti evoluzioni del panorama fiscale sono solo escamotage;
  • il “capo del mondo“, ovvero il presidente della nazione che vuole essere la guida per tutte le altre, è un signore che prende in giro via Twitter altri politici e capi di stato, usando la stessa moderazione che potrebbe avere una mia figlia alla scuole elementari (temo anche meno)

Heinrich Heine

Comprimi ora il tuo cuore sul mio,
sicché le fiamme unite si consumino.

ComunicAzione

 

Da anni sento la storia dei problemi di comunicazione usata come tana-libera-tutti

“il problema di tutti i problemi”

che poi a dirtelo spesso trovi dei personaggi che hanno un linguaggio inadeguato e spesso insufficiente o inefficace, beh, ne è il corollario

per quanto ti sforzi di ripeterti che lavori per vivere e non vivi per lavorare, gran parte del tuo tempo, di cui sei sempre meno padrone, è perso in parole lette e scritte che poco serviranno nella tua vita

 

e ti accorgi che parli sempre meno e con meno qualità con chi fa realmente parte della tua vita (compagna/moglie/figli/genitori/amici)

 

e magari a farti riflettere su questa enorme perdita di parole utili è un buon libro letto sul treno, a riempire i viaggi di un insensato pendolarismo

 

 

L'America di Trump: cosa avevamo sbagliato - Trump's America: what did we get wrong? #ijf17
“L’America di Trump: cosa avevamo sbagliato – Trump’s America: what did we get wrong? #ijf17” – foto di International Journalism Festival

stazione

Come siamo piccoli

Il modello attuale di società ha sostituito il sano principio di collettività con una illusoria miscela di globalizzazione e “crescita” costante di un prodotto interno lordo che non ci rappresenta.
A livello di stati e a livello di economia privata assistiamo a quello che diplomaticamente definiremmo consolidamento.
 
Nella realtà è una sempre maggiore concentrazione di soldi e potere nelle mani di pochi
I grandi stati
Le grandi corporazioni
Tutto grande e grosso.
 
Ma l’essere umano è piccolo
Piccolo rispetto a un albero,
 a un elefante,
 al pianeta che sta distruggendo.
 
Si nega anche l’evidenza
fatta di alluvioni, uragani, precipitazioni e venti tropicali
in zone del mondo una volta definite dal clima temperato
Eppure niente
Scienziati autorevoli da anni stanno avvertendo dei rischi e della gravità di questa situazione
Ma niente
Come se nulla fosse.
 
Non ci sono attualmente assemblee straordinarie dell’ONU per mettere a punto un piano di emergenza… perché?
Forse il problema non esiste o ci sono pressioni perché venga ancora ignorato pubblicamente?
 
I principali attori di questo mondo globalizzato male sono Stati Uniti – comandati da un folle milionario che fa gli interessi di pochi come lui che detengono gran parte della ricchezza – e Cina, paese che ha saputo usare ingegneristicamente potere totalitario, capitalismo per pochi eletti, colonialismo sui generis e miraggio di un benessere all’occidentale.
Quindi direi che non abbiamo speranze, guardando a loro.
L’Europa è debole nella sua storia di conglomerato di diversità apparentemente inconciliabili
ed è sempre più indebolita dagli egoismi locali.
 
Egoismi ben rappresentati dai movimenti populisti ora anche al governo.
La convinzione di molti di avere nelle proprie mani un voto importanti contro i burocrati di Bruxelles sta nutrendo i burocrati locali che mandano avanti scaltri esibizionisti sfruttando la percezione distorta e aumentata che attraverso i social media arriva dritta dritta all’intestino dei popolani, proprio come i migliori probiotici spacciati da multinazionali del cibo.
 
I tanti vituperati giornalisti al soldo del potere sono scavalcati dalla pochezza di ministri che fanno propaganda continua su strumenti di massa di un ragazzo americano che ha capito come inculare il mondo.
E la pochezza del ragionamento populista ha come perimetro il solo confronto “con chi governava prima” come quando chiedi a un bambino.
 
E finisce citando a sproposito Rasoio di Occam e ritorno alla semplicità, quando ormai non c’è più nulla di semplice.
 
Perché la degenerazione è globale e non esiste più la risposta con la spada di Alberto da Giussano – suggestione buona trent’anni fa.
Non c’è più tempo per i discorsi da bar e le competizioni locali.
A me che ho più di quarant’anni potrebbe anche fregare poco.
Poi però guardo alle mie figlie e penso che non sia il mondo giusto da consegnare loro.
E non è il mondo favoloso della prossima colonizzazione di Marte
 o di Tesla (azienda)
 o della automazione totale
 che mi possano rendere fiducioso del futuro.
Il pianeta si sta ribellando e rivalendo.
 
Bisogna agire.
 
stazione 

Dall’Apocalisse di Giovanni

Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago.
Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo.
Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli. (12, 7)