Giorno: 11 Novembre 2008

assuefazioni

oltre al fattore B, ci sono diverse cose a cui ci si è mediamente assuefatti:

  • i ritardi, gli affollamenti, le carenze del (dis)servizio ferroviario
  • le cazzate e le relative smentite
  • le botte, la violenza
  • gli incidenti stradali
  • leggi elettorali vomitevoli
  • utilizzo delle corsie autostradali al contrario (la corsia più utilizzata è quella più sinistra, e quella più libera è a destra)
  • motociclisti che ti superano ovunque e comunque, anche sotto al casello dell’autostrada (per la serie la civiltà del fare la coda è un orpello inutile)
  • le parole “cazzo“, “minchia“, “fottere” (l’organo femminile è pubblicamente meno citato)
  • gossip in tutte le salse (con particolare assenza di pudore sulle indagini per omicidio, ormai facenti parte della cronaca rosa e non più della cronaca nera)

il fattore B

B come Berlusconi

a volte mi domando come sarebbe questo paese se Lui non ci fosse stato

sarà vero che la storia non si fa nè coi se nè coi ma, ma immaginarsi un paese diverso non è un puro esercizio di stile, potrebbe essere quasi la guida per tornare sulla retta via

non penso che sia semplicistico indicare come il suo monopolio mediatico-pubblicitario abbia lasciato un segno indelebile nella vita, nella società, nell’impoverimento culturale-sociale-comunicativo

parlando con un pubblicitario cenando dopo questo incontro, ricordo la sua breve analisi dell’anomalia italiana, in un occidente che sviluppa nuove forme di comunicazione, l’italia rimane sempre fermamente e “massivamente” ancorata alla televisione, quella subìta, passiva, dai palinsesti imbarazzanti e pieni di gossip a 360 gradi

il sogno di un imprenditore che ha iniziato la sua fortuna costruendo una “nuova milano” fa il paio con un’altra esagerazione, quella che vede gli italiani come dei maniacali compratori di immobili – oggi una  giovane coppia ha l’obbligo socialmente imposto di comprarsi casa ancor prima di aver pensato a gettare solide basi economiche insieme, anche a costo di vivere di ansie da mutuo per 30 anni, dal momento che la giustificazione “l’affitto son soldi buttati” è diventato un bel business, non c’è che dire

non ci sono politici e non c’è voglia di fare politica, perchè è stato democraticamente eletto il super-cumenda che tutto pensa e tutto può fare, quindi una classe politica è inutile, c’è il nostro imprenditore di fiducia che ci accudisce e dirige l’aziendaitalia col senno del buon padre di famiglia

siamo tutti d’accordo, no?!?

sole per l'inverno che verrà

pannoso no s q u a r c i