Tag: gnome

unity

Schermata
Provando Unity, sia a casa che in ufficio,
ho spesso la sensazione di “smarrimento”.

Per il minore response-feedback (percezione di ~) tra applicazioni e sistema operativo

Per alcune informazioni che sfuggono all’evidenza rispetto a prima
(task aperti, spostamento di finestre da un desktop all’altro, …)

I concetti generali, che solo lontanamente possono ricordare il Mac,
sono abbastanza puliti e azzeccati, ma la usability lascia ancora un po’
l’amaro in bocca.
L’idea di poter sfruttare al meglio la visibilità dei moderni display 16:9
è ben rappresentata, ma la customizzazione degli elementi
caratterizzanti di unity dov’è?

Ho provato il livecd di Gnome3 e mi ha ingolosito molto di più
non vedo l’ora di poterlo installare dai repository Ubuntu

Ubuntu 11.10 e GNOME3…

Ubuntu 11.10, la prossima release, includerà nei propri repository una pacchettizzazione di GNOME 3.0 perfettamente funzionante.

Già da adesso i primi pacchetti di GNOME 3 e di GNOME Shell stanno approdando nei repository principali della distribuzione: molto presto saranno disponibili per un’installazione “stabile”, e non solo. Gli sviluppatori di Ubuntu hanno infatti promesso che gli AppIndicator non saranno invasivi nel caso d’uso del desktop GNOME; al contrario di quanto accadeva con le release fino alla 10.10, in cui comunque gli indicatori venivano caricati a prescindere.

Con la nuova fornitura di GNOME sarà incluso un piccolo controllo, infatti, che abiliterà il supporto a AppIndicator solo in presenza di Unity, di cui abbiamo scritto nei giorni scorsi;

via Ubuntu 11.10 permetterà di installare GNOME3 | oneOpenSource.

banale ripristino di sessione di gnome

in seguito a qualche incauta operazione sui settaggi della sessione di gnome, e conseguente crash del relativo demone, mi ritrovavo costantemente senza gnome-panel, senza la possibilità di agganciarmi al demone di sessione, per esempio dal pannello di controllo, ecc…

le soluzioni al problema trovate googlando erano un po’ tutte drastiche, del tipo “rm -f ~/.gnome2

in realtà, una volta constatato che avviando come “Gnome d’emergenza” (Failsafe) tutto era normale, è bastato copiare, editando il file ~/.gnome2/session, la sezione [fAILSAFE] sopra a quella [Default], e all’avvio tutto era tornato normale

del GUADEC

sono anni che utilizzo GNOME con piacere, soddisfazione, quasi affetto, sicuramente convinto di aver visto crescere uno strumento che vada al di là di un semplice desktop manager

via emmanuele, ho scoperto un po’ tardi che in questi giorni si svolgeva a istanbul (si conclude oggi) il GUADEC (GUADEC (pronounced GWAH-DEC) is an acronym for the GNOME Users? And Developers? European Conference.), e pian piano da l� ho cominciato a leggere su quello che � tracciato, del futuro di GNOME

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: