Tag: citazione

Giulio Alberoni – Wikipedia

Il successore di Benedetto, Clemente XII (eletto nel 1730), lo nominò legato in Romagna.

A Ravenna fu ricordato per aver avviato la costruzione del nuovo canale naviglio e del nuovo scalo portuale.
Ma incorse nella disapprovazione del pontefice a causa delle misure forti ed insostenibili con cui cercò di ridurre la piccola repubblica di San Marino ad assoggettarsi a Roma (occupazione alberoniana).
Di conseguenza, venne rimpiazzato da un altro legato nel 1740 e poco dopo si ritirò a Piacenza.

Qui, Clemente XII lo nominò amministratore dell’ospedale di San Lazzaro.
L’ospedale era una fondazione medioevale a beneficio dei lebbrosi. Essendo la malattia scomparsa dall’Italia, l’Alberoni ottenne il consenso del papa per la sua soppressione e istituì, al suo posto, un collegio per l’educazione al sacerdozio di settanta ragazzi poveri.
Tale istituzione prese il nome di Collegio Alberoni ed è tuttora esistente
.

Dopo la sua morte, fu sepolto nella chiesa del Collegio, al quale lasciò in eredità la somma di 600.000 ducati.
Il suo monumento funebre venne ornato di un bel busto-ritratto in marmo opera dell’Abate carrarese Giovanni Antonio Cybei (1754).
Lasciò, inoltre, il resto della sua fortuna a suo nipote.

via Giulio Alberoni – Wikipedia.

May 11, 2011 — RT News line

Italian broadcaster fined for featuring Berlusconi

­The Italian Communications Authority, Agcom, fined the news department of the state national channel Rai 100,000 euros for mentioning Prime Minister Silvio Berlusconi too frequently and for ignoring the opposition. The decision was taken after a weeks-long analysis of the channel’s broadcasts on the approaching regional elections, which will take place the Apennines region on May 15 and 16. Berlusconi tops the Milan list of his People of Freedom party. Agcom also demanded other channels limit the frequency of references to Berlusconi, and fairly split the time among the representatives of the ruling party and the coalition.

via May 11, 2011 — RT News line.

Che sarebbe a dire, noi – specificando… quei cittadini che pagano il canone – paghiamo una multa che un organo dello stato commina a un’impresa di stato che viola un regolamento nazionale per adulare il capo del governo a cui piace fare campagna elettorale permanente di se’ stesso.

avvitamento.

[permalink]postato su freelabs[/permalink]

REGIONALI FOLLINI BASTA PRIMARIE FANNO DERAGLIARE TRENO PD – Agenzia di stampa Asca

Dunque, conclude, “le primarie fanno sbandare il Pd, forse siamo ancora in tempo per fermare la deriva. Non sono un cultore del dio delle primarie, rischiano di condurci ad un modello leaderistico, credo di piu' ad un gioco di squadra”.

via REGIONALI FOLLINI BASTA PRIMARIE FANNO DERAGLIARE TRENO PD – Agenzia di stampa Asca.

sensi unico alternato

<…> Ma fallimentare si è rivelata l’idea che bastava mettere al posto dei vecchi partiti un “uomo solo al comando” riducendo a ben poco il ruolo dei parlamentari e la sovranità del Parlamento. È giusto non tornare indietro al pollaio delle mediazioni tra partiti e partitini. Condivido l’idea di un partito a “vocazione maggioritaria”. Ma basta il consenso elettorale raccolto attraverso i “media” da un capo più o meno carismatico? La società si disgrega se non c’è una forza che garantisce il “governo lungo” delle relazioni sociali, un organismo capace di mettere in campo un’agenda politica più vasta.

La lotta politica comporta duri scontri, anche personali. Lo so, li ho vissuti e non mi scandalizzo. Ma il loro limite sta nel fatto che un fattore guida della comunità italiana è più che mai necessario. Il Pd esiste se esprime anche un ideale e se, al tempo stesso, si presenta come uno strumento radicato nella società capace di mobilitare forze, intelligenze, passioni.

via Pd, il senso della politica e la cultura della rissa – l’Unità.it di Alfredo Reichlin

H

In a Moment of Hope, Haiti Is Plunged Again into Despair
Resident walk next to a dead body after an earthquake in Port-au-Prince, Haiti.
Photo by Carlos Barria / Reuters – appeared on Time.com at:

In a Moment of Hope, Haiti Is Plunged Again into Despair – TIME.

Più di 100000 morti.
Silenzio.

##

Oggi si parla anche di ermeneutica giuridica[1] e di ermeneutica artistica, che sono rispettivamente la metodologia dell’interpretazione delle norme giuridiche e delle opere d’arte. Tuttavia, il compito dell’ermeneuta non si esaurisce nella lettura o nella statuizione del metodo interpretativo: il dialogo con le religioni (Hans-Georg Gadamer) e il pensiero politico (Jürgen Habermas) si declinano tutt’ora secondo quello che viene chiamato circolo ermeneutico.

Piuttosto sorprendentemente (date le sue origini), l’ermeneutica ha influenzato alcuni studiosi di intelligenza artificiale che hanno trovato inadeguato l’approccio cognitivista o quello dell’elaborazione delle informazioni per capire il pensiero umano.

via Ermeneutica – Wikipedia.

citazione

Mi scrive Paolo via email e lo cito:

«Se uno mi vede eliminare un crocifisso non mi darà dell’eretico, ma si porrà piuttosto la domanda affettuosa del come questo atto debba essere cattolicissimamente interpretato perché da un cattolico è posto»

Don Lorenzo Milani, lettera a A.Parigi, 1953

delle mosche cocchiere

La storia delle mosche cocchiere è lunga e in genere poco gloriosa. In un partito di massa bisogna sapere accettare di essere minoranza, e di pesare per quello che si conta e per quello che si vale. Marino lo farà. Rutelli no. Ma già lo sapevamo, che i laici sono più tolleranti dei clericali.

da “L’AMACA” di Michele Serra del 1° novembre 2009 – via ciwati – La minoranza del Pd più laico e veloce.

massima

Mohandas Karamchand Gandhi said

Un’onesta divergenza è spesso segno della salute del progresso.

sinistrorsi

Avvalendomi del diritto di citazione… cito il Gramellini di stamattina su LaStampa:

Dopo il proclama del Capo, il quadro è finalmente chiaro. I magistrati sono di sinistra, e questo già si sapeva. La tv pubblica, eccetto Topo Gigio, è di sinistra. Il 72% dei giornali è di sinistra (non il 71 e nemmeno il 73: il 72, l’ha detto Lui). La Corte Costituzionale è di sinistra, il Quirinale è di sinistra, gli arbitri in genere sono di sinistra, e anche i vigili che danno le multe sono di sinistra, i professori che rifilano 4 a mio figlio sono di sinistra, il vicino di casa che appesta il pianerottolo con la sua frittura è di sinistra, la signora che mi ha scippato il parcheggio è di sinistra, come la Regina di Biancaneve, Veronica Lario e la Costituzione: tutte di sinistra.

La sveglia alle sette è di sinistra, la barba da radere è di sinistra, il caffè amaro è di sinistra, i calzini bucati e gli ingorghi al semaforo sono di sinistra, il capufficio odioso è di sinistra, la moglie che mi ricorda le commissioni da fare è di estrema sinistra. Il Superenalotto è di sinistra, altrimenti vincerei. Gli stranieri, i comici, i miliardari e i gatti neri sono di sinistra. Le escort sono di sinistra, ma solo quelle che chiacchierano, naturalmente. Cavour era di sinistra, come Montanelli e Barbarossa, del resto. Fini è di sinistra e pure le previsioni del tempo, se segnalano pioggia. Persino io, quando non digerisco la peperonata, divento di sinistra. Da noi l’unica disgrazia che non sia di sinistra è la sinistra.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: