Categoria: fsf & fsfe

> FSFE appeals to European Commissioner Kroes in Microsoft antitrust case

fsfe
The Free Software Foundation Europe (FSFE) has published an open letter addressed to European Commissioner for Competition Neelie Kroes.
The letter arises out of the foundation’s concern that settling the two Directorate General for Competition cases against Microsoft too hastily could have long-term detrimental effects on the competitiveness of desktop systems.
The European Commission is presently investigating the bundling of Internet Explorer (IE) with the Microsoft operating system.
Furthermore, the European Committee for Interoperable Systems (ECIS) has complained of Microsoft’s reluctance to release important information needed to ensure the compatibility of open source software with Microsoft products.

From: FSFE appeals to European Commissioner Kroes in Microsoft antitrust case

Stop Software Patents – World Day


Il 24 settembre 2008 si celebra la giornata mondiale contro i brevetti software.

E` stata indetta da una coalizione di oltre 80 entità fra cui aziende, associazioni e sviluppatori.

La giornata vedrà il varo di una petizione internazionale contro i brevetti software, quella minaccia all’innovazione e alla competitività che l’estate di tre anni fà riuscimmo a evitare diventasse pratica europea.

Non c’é da abbassare la guardia, anzi, bisogna tenere alta l’attenzione sul problema.

merchandise FSFE: "sconto 25"

In occasione del 25° anniversario di GNU, la FSFE applicherà uno sconto del 25% per 25 giorni (dal 23 settembre 2008 al 17 ottobre 2008) agli articoli di merchandising

software freedom day

software freedom day 2008

Stallman a Brescia e Genova

Nei prossimi giorni Richard M. Stallman sarà in Italia per i due eventi seguenti:

  • Genova
    Giovedi’ 11 settembre 2008 alle ore 16:00 Richard Stallman terrà un intervento dal titolo “Copyright vs Community in the Age of Computer Networks” presso il Dipartimento di Informatica e Scienze dell’Informazione all’Università di Genova (via Dodecanneso 35, V piano).
  • Brescia
    Venerdi’ 12 settembre 2008 alle ore 16:00 Richard Stallman terrà un intervento dal titolo “Copyright vs Community in the Age of Computer Networks” presso la Libera Accademia di Belle Arti di Brescia, in via D. Vender 66.

(fonte)

Dite a Netflix: basta con il DRM!

Eliminate DRM!

    Parte una nuova iniziativa dal team di DefectiveByDesign: l’obiettivo è far arrivare alla compagnia di noleggio online di dvd/film (e download correlati) Netflix, attraverso i resi dei dvd, delle mini-lettere (sul sito ci sono dei template) che mirino a sensibilizzare la dirigenza al fine di eliminare i DRM dai contenuti distribuiti.

Tell Netflix: No DRM

[Carlo Piana] Un giorno in tribunale

[ dal blog di Carlo Piana ]

pavese superstar

è un po’ di settimane che mainstream e contorni, stanno puntando i riflettori sul pavese

sembra che i cugini si stiano dando da fare per monopolizzare l’attenzione dei media, e non bastava quell’omicidio di garlasco che ha trasformato ogni cronaca in una puntata da ris-delitti-imperfetti, e nemmeno l’auto-sequestro di motta visconti, ora ci sono i comuni a ridosso del po che contestano i nomadi e le eventuali “ripartizioni”…

a me, del pavese, piace di più evidenziare che nel paesino di bressana bottarone, dal 21 al 29 settembre prossimi, si terrà BRESSANA NEL 21° SECOLO: Saperi Liberi Liberi Saperi, organizzata dall’associazione culturale «Insieme» di Bressana in collaborazione con GNUFunk

i video del rilascio della GPLv3

Ritraggono Stallman che illustra le principali novità introdotte
dalla terza release della GPL e le sue riflessioni
sul processo di drafting.
Sono disponibili in formato Ogg Theora, lunghi circa quindici minuti:

Alta qualità (103MB): http://gplv3.fsf.org/static/release/rms_gplv3_launch_high_quality.ogg
BitTorrent: http://gplv3.fsf.org/static/release/rms_gplv3_launch_high_quality.ogg.torrent

Media qualità (53MB): http://gplv3.fsf.org/static/release/rms_gplv3_launch.ogg
BitTorrent: http://gplv3.fsf.org/static/release/rms_gplv3_launch.ogg.torrent

Bassa qualità (8MB): http://gplv3.fsf.org/static/release/rms_gplv3_launch_low_quality.ogg
http://gplv3.fsf.org/static/release/rms_gplv3_launch_low_quality.ogg.torrent

Fonte:

_______________________________________________
FSF And GNU Press mailing list <info-press@gnu.org>
http://lists.gnu.org/mailman/listinfo/info-press

[Carlo Piana] OOXML – Italia verso astensione

dal blog di Carlo Piana (licenza “Creative Commons by – sa):

Scritto da Carlo Piana

Wednesday 18 July 2007

Anche in Italia si sta discutendo se il formato Office Open XML (il formato XML che replica le funzionalità di Office 2007 di Microsoft) sia da approvare come standard ISO (ISO/IEC DIS 29500), con una procedura di “fast track”. Per vari motivi la cosa appare ai più inaccettabile. Molte sono infatti le domande senza risposta sullo standard.

Il voto in Italia terminava il giorno 13 Luglio. Potevano partecipare soltanto i soci effettivi alla data dell’8 Luglio 2007. E qui sono cominciate le situazioni strane. A metà maggio i soci della commissione rilevante di Uninfo (JTC1) erano cinque: IBM, Microsoft, CEDEO (Leonardo Chiariglione), l’associazione PLIO e HP. Ecco che però sono cominciate a fioccare nuove adesioni. Alla fine i votanti erano 83. Un buon numero, non c’è dubbio! Contando che l’adesione alla commissione JTC1 costa più di 2000 euro, si tratta di una manifestazione di straordinario interesse per il fenomeno della standardizzazione (vorrei che l’ironia trasparisse come merita).

Per fortuna, ad opporsi a questa situazione vi sono state numerose società del mondo del Software Libero (detto anche open source) e associazioni varie, come il MiLUG, il LUGBZ e il LUGTS, ma anche il TIS e Assoli.

Il voto c’è stato, la maggioranza necessaria (2/3) no. Dunque si va verso l’astensione da parte dell’Italia. Certo, fa un po’ impressione vedere come tra i votanti che si sono espressi a favore della posizione del proponente lo standard vi sia una serie impressionante di business partners dello stesso, uno degli studi legali che lavora per esso, persino l’associazione ufficiale dei suoi certified business partners []]. Ma “money can’t buy me love” cantavano i Beatles, forse nemmeno uno standard.

Speriamo.

[0] Non ho la possibilità di pubblicare i dati dei votanti in quanto sono informazioni riservate, ma sono a disposizione di chiunque per fare la scorsa dei nomi. Uno però lo posso sicuramente comunicare: io.

Su argomento identico, l’intervento di Mimmo Cosenza: http://mimmocosenza.nova100.ilsole24ore.com/2007/06/lobbying-in-a-1.html


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: