Tag: AttivAzione

Dalla Conferenza Stampa sul PDL Lombardo…

La conferenza stampa è iniziata alle 11:30, si è tenuta nella nuova sala consiliare “C” (Palazzo del Consiglio Regionale della Lombardia).
L’intervento iniziale e principale è stato quello del promotore del PdL, il Consigliere Regionale dei Verdi, Marcello Saponaro, che ha spiegato i principii e i motivi che hanno ispirato e portato alla realizzazione di questo Progetto di Legge.
Saponaro ha posto l’accento sui vantaggi in termini economici, nel breve e nel lungo termine, dell’adozione del Software Libero nella Pubblica Amministrazione lombarda, sfruttando la metafora del “buon padre di famiglia” che paga il mutuo per lasciare domani una casa di proprietà al figlio anziche’ pagare l’affitto: così investire oggi in Software Libero porta benefici domani, dal momento che – ci ricorda Saponaro – abbiamo a disposizione un software aperto (ne abbiamo il codice sorgente) e perciò personalizzabile, requisito indispensabile per le esigenze di controllo e trasparenza che la PA, ha in quanto detentore di dati sensibili dei cittadini, dei quali va tutelata la riservatezza.
Successivamente sono intervenuti altri Consiglieri della minoranza di centro-sinistra, firmataria del progeto di legge (unica eccezione, della maggioranza di centro-destra, il consigliere Silvia Ferretto Clementi di A.N.): Muhlbauer, Gaffuri e Monguzzi. Proprio di quest’ultimo mi ha colpito la frase “Posso sintetizzare in 3 punti. Questa legge fa risparmiare, innova e rende partecipi i cittadini. Quindi – aggiunge – non vedo perchè la Regione Lombardia non dovrebbe approvarla in un minuto“.
La trovo per certi versi disarmante, perchè mi pongo l’interrogativo, dentro di me, “e gli altri?

Dopo i Consiglieri, è intervenuto Lele Rozza, che ha collaborato in veste di consulente del progetto, attraverso il “Tavolo Regionale Politica del software nella Pubblica amministrazione“, iniziativa che ha visto coinvolti i maggiori attori dell’informatica mondiale (IBM, Novell e Microsoft), della piccola imprenditoria e dell’associazionismo (tra cui ricordo Milug, Openlabs, AsSoLi, FSFE e AttivAzione.org).

Formati Aperti e Software Libero nei sistemi informatici in Regione Lombardia

presentazione del PdL ai giornalisti e al pubblico.

Gruppo Consiliare – Verdi per la Pace


FORMATI APERTI E SOFTWARE LIBERO NEI SISTEMI INFORMATICI IN REGIONE LOMBARDIA.

UNA LEGGE PER L’INNOVAZIONE

conferenza stampa martedì 22 maggio, ore 11.30 (nuova) Sala C, Consiglio Regionale della Lombardia, via Filzi 29, Milano

Milano, 18 maggio 2007 – Innovazione, efficienza, competitività, trasparenza e risparmio: l’impiego dei formati aperti e del software libero nella gestione dei dati porta solo vantaggi alle pubbliche amministrazioni.

Per questo il “Tavolo Regionale Politica del software nella Pubblica amministrazione” (Politica del Software) promosso dal consigliere dei Verdi Marcello Saponaro ha messo a punto un progetto di legge che in 13 articoli liberalizza, innova e rende più efficace e competitiva la pubblica amministrazione lombarda attraverso una nuova politica del software.

-> Leggi il Comunicato Stampa

link correlato: http://politicadelsoftware.openlabs.it/?q=node/8

AsSoLi presenta uno studio approfondito sui recenti accordi tra Governo e Microsoft

COMUNICATO STAMPA
======================================================================
L’ASSOCIAZIONE PER IL SOFTWARE LIBERO PRESENTA UNO STUDIO
APPROFONDITO SUI RECENTI ACCORDI TRA GOVERNO E MICROSOFT
======================================================================

21/05/2007

In un articolo inviato a centinaia di esponenti delle istituzioni sia
centrali che locali, l’Associazione per il Software Libero intende
dimostrare come il Governo Italiano continui ad erogare soldi pubblici a
favore di aziende in posizione dominante nel mercato del software.
Nel centro di ricerca Microsoft di Trento, per esempio, per ogni euro
speso dalla multinazionale statunitense, le istituzioni e le università
ne spendono più di sette.

Leggi tutto …

[Assoli] L’Associazione per il Software Libero offre 50.000.000 Euro al Governo

L’Associazione per il Software Libero offre 50.000.000 € al Governo

Lunedì 7 Maggio presso la Sala Stampa di Palazzo Chigi, il Ministro dell’Università e della Ricerca, Fabio Mussi, il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, Luigi Nicolais, assieme all’amministratore delegato di Microsoft Italia, Marco Comastri, hanno presentato alla stampa un protocollo d’intesa che prevede un rapporto di collaborazione che ha come obiettivi principali la formazione, il trasferimento tecnologico e la facilitazione di progetti di ricerca.

Leggi tutto […]

[ASSOLI] "Per il bene dell'Italia: il Governo ha convinto Microsoft a passare al Software Libero?"

Fonte: http://www.softwarelibero.it/node/216

COMUNICATO STAMPA

Inviato a: Ministro Fabio Mussi, Ministro Luigi Nicolais,
Sottosegretario Beatrice Magnolfi, Ministero Università e Ricerca,
Ministero Riforme e Innovazioni nella pubblica amministrazione, Ing.
Marco Comastri, Microsoft Italia.

Venerdì 4 Maggio il Ministero dell’Università e della Ricerca ed il
Ministero per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione
hanno diffuso un comunicato stampa in cui annunciano la presentazione
pubblica di un protocollo di intesa con la multinazionale statunitense
Microsoft, lunedì 7 maggio.

http://www.miur.it/DefaultDesktop.aspx?doc=419

> Leggi il resto []

PITER 2007-2009

Comunicato stampa, a cura del consigliere regionale Gianluca Borghi, che annuncia la presentazione del Piano Telematico Regionale della Regione Emilia Romagna per il triennio 2007-2009

Grande Dido!!!

anzi, “Caterdido“!

consiglio l’ascolto dell’estratto (in formato ogg) della partecipazione di Paolo Didone’ alla trasmissione Caterpillar, nel quale i simpatici conduttori, parlando della vittoria di AsSoLi, si lasciano sfuggire un po’ troppe volte l’equazione “software libero = gratuito” (con un dido che giustamente non conferma 🙂 )

un’ottima occasione di pubblicità, per un successo per l’attivismo e aggiungerei per il mercato

che disdetta!

direi, una disdetta inevitabile!

non ero abituato ad avere a che fare con delle aziende, operatrici del mondo della telefonia, che studiano un marketing atto a perdere i clienti anziche’ acquisirne di nuovi, eppure digitale italia l’ha messa proprio in atto, in pieno

con un rapido uno-due, ha centrato il suo obiettivo di ottenere senza remore la mia disdetta: in una prima comunicazione, di ieri, mi aumentavano nuovamente la tariffa mensile dell’abbonamento (e arrivare a 34 euro per una flat 2 mbs era davvero fuori mercato) ma… non contenti…

…visto che la lettera di disdetta era sì pronta in mattinata, ma la raccomandata a.r. l’avrei portata alle pt solo in tardo pomeriggio dopo il lavoro, hanno visto bene di rincarare la dose e andare sul sicuro: ulteriore comunicazione in cui vengo avvisato che alla fine del contratto, in virtù di loro fantomatici “adeguamenti di infrastruttura”, avrei dovuto ripagare pure 100 euro di attivazione di una linea che già ho!!!

che pagliacci.

la disdetta era la risposta alla prima email, ma un bel vaffa…_ era la risposta più azzeccata alla seconda

mi chiedo se ci siano gli estremi per fare una letterina all’AGCom per segnalare questo abuso illogico e sul filo dell’illegalità

rivolgo ancora tanti complimenti al settore marketing, competente forse più di falcoanatocismo che di telecomunicazioni…

GNUFUNK: e-democracy/e-conspiracy: libero software in libera rete

GNUFUNK: e-democracy/e-conspiracy: libero software in libera rete
e-democracy/e-conspiracy: software libero in libera rete diritti, tutele, conoscenze, socialità e politica nell’età della Rete e della rivoluzione digitale.

 

mercoledì 21 marzo, ore 21 al csa barattolo – via dei mille 130 – pavia

Un nuovo orizzonte culturale: accesso libero, gratuito e universale, la condivisione della conoscenza, la liberazione dei saperi.

Vedi: http://gnufunk.org/

ci saranno, tra gli altri, rubini, lele, il dido, e ci vado anch’io

Drupal: le Clean URL anche su aruba

Grazie al link postato da Roberto, ho ottenuto, con Drupal 5, le “clean Url” anche su siti ospitati su hosting aruba, dopo gli svariati tentativi di moduli e di .htaccess di esempio andati a male

Grazie Roby!

#
# Apache/PHP/site settings:
#

# Protect files and directories from prying eyes:
<Files ~ "(.(conf|inc|module|pl|sh|sql|theme|engine|xtmpl)|Entries|Repositories|Root|scripts|updates)$">
order deny,allow
deny from all
</Files># Set some options
# non supportato da aruba
#Options -Indexes
# non supportato da aruba
#Options +FollowSymLinks

# Customized server error messages:
ErrorDocument 404 /index.php

# Set the default handler to index.php:
# non supportato da aruba
#DirectoryIndex index.php

# Overload PHP variables:
<IfModule mod_php4.c>
# If you are using Apache 2, you have to use <IfModule sapi_apache2.c>
# instead of <IfModule mod_php4.c>.
php_value register_globals        0
php_value track_vars              1
php_value short_open_tag          1
php_value magic_quotes_gpc        0
php_value magic_quotes_runtime    0
php_value magic_quotes_sybase     0
php_value arg_separator.output    "&"
php_value session.cache_expire    200000
php_value session.gc_maxlifetime  200000
php_value session.cookie_lifetime 2000000
php_value session.auto_start      0
php_value session.save_handler    user
php_value session.cache_limiter   none
php_value allow_call_time_pass_reference  On
</IfModule>

# Various rewrite rules
<IfModule mod_rewrite.c>
RewriteEngine on

# Modify the RewriteBase if you are using Drupal in a subdirectory and the
# rewrite rules are not working properly:
#RewriteBase /ski-freestyle/

# Rewrite old-style URLS of the form 'node.php?id=x':
#RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
#RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
#RewriteCond %{QUERY_STRING} ^id=([^&]+)$
#RewriteRule node.php index.php?q=node/view/%1 [L]

# Rewrite old-style URLs of the form 'module.php?mod=x':
#RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
#RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
#RewriteCond %{QUERY_STRING} ^mod=([^&]+)$
#RewriteRule module.php index.php?q=%1 [L]

# Rewrite URLs of the form 'index.php?q=x':
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
RewriteRule ^(.*)$ index.php?q=$1 [L,QSA]
</IfModule>

# $Id: .htaccess,v 1.58 2004/10/09 20:41:49 dries Exp $

In prima battuta le sperimenterò su AttivAzione.org, per il merge di tutti i motori esistenti (wordpress per gli articoli e punbb per il forum) su un cms drupal appunto.
A seguire, sarà il turno del sito del LUGPiacenza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: